Soldi in più dall’INPS, come puoi ottenerli

Ecco come fare per ottenere dall’Inps dei soldi in più sulla pensione. Tutti i dettagli su questo argomento.

E’ possibile ottenere dall’Inps dei soldi in più sulla pensione. Ecco la procedura da seguire per richiederli.

ANSA

L’Inps, con maggiore frequenza, molte volte commette degli sbagli sul calcolo della pensione da corrispondere al cittadino. Ci sono degli errori che spesso l’Istituto Nazionale Previdenza sociale commette. Ecco cosa bisogna fare per chiedere indietro i soldi e quali sono i più frequenti sbagli dell’Inps. Dai calcoli pensionistici errati fino ai trattamenti previdenziali non riconosciuti passando per le richieste di somme di denaro non dovute che vengono, indebitamente, trattenute dalle pensioni.

Nella fase di ricalcolo della pensione, l’Inps delle volte effettua degli errori. Vengono erogati, infatti, degli assegni pensionistici maggiorati. Quando l’Istituto si accorge dello sbaglio, richiedere al pensionato la restituzione delle somme in eccesso. Nel ricorso amministrativo, il cittadino, si può richiedere l’improcedibilità nella riscossione di tali somme. Ci sono dei modi specifici per difendersi da questi principali errori dell’Inps. Esiste, infatti, una procedura specifica.

Nel ricorso amministrativo, il pensionato deve indicare il provvedimento che ritiene lesivo del proprio diritto; esporre la vicenda che lo riguarda; individuare i motivi a sostegno della propria tesi; allegare documenti alla risoluzione della controversia. Successivamente, il tutto deve essere inoltrato all’organo competente entro 90 giorni bisogna ottenere una risposta altrimenti si realizza il cosiddetto silenzio-rigetto

Nel caso in cui c’è il rigetto del ricorso amministrativo, la decisione toccherà agli organi interni dell’Inps. Il contribuente però può chiedere, a sua volta, anche un’azione giudiziaria.

In caso di rigetto del ricorso amministrativo, la cui decisione spetta agli organi interni dell’Inps, il contribuente può promuovere un’azione giudiziaria.

ansa

Nel caso in cui è l’Inps a commettere degli errori nel calcolo della pensione, la regola generale dice che l’Istituto dovrà rispondere con un risarcimento ai danni del pensionati.

In una sentenza del 2019, la numero 23114/19, la Corte di Cassazione ha stabilito che nel caso in cu il cittadino concorra ad un evento dannoso si ha concorso di colpa anche se l’errore è causato dall’Inps. In questo caso, quindi, il risarcimento dell’Inps potrebbe essere ridotto.