Lavoro, perchè ora è un vantaggio avere i figli sotto i 14 anni

Il Decreto aiuti bis porta vantaggi importanti alle famiglie con figli. Fino alla fine dell’anno ci saranno degli aiuti extra per chi ha figli sotto i 14 anni, sopratutto se con problemi di salute o ritenuti fragili per qualsiasi motivo.

Non ci saranno soltanto il taglio al cuneo fiscale e gli aumenti degli stipendi all’interno del decreto aiuti bis. A rientrarvi ci sono anche molti altri tipi di aiuti per le famiglie, di entità variabile, ma tutti parimenti importanti e da conoscere. In particolare si parla di aiuti per le famiglie con figli, sopratutto se minori di 14 anni.

Non ci siamo ancora lasciati completamente alle spalle la pandemia di Covid-19. Nonostante il peggio sembri essere passato, il virus gira ancora tra noi e continuano ad esserci ogni giorno nuovi contagi. Per questo motivo all’interno del decreto aiuti bis è rientrato un intervento atto ad allungare la finestra di smart working semplificato per i dipendenti del settore privato. Il diritto a lavorare da remoto verrebbe concesso a tutti i lavoratori ad alto rischio di contagio, così come a quelli con figli di età inferiore a 14 anni.

Sempre nello stesso decreto, che verrà approvato presumibilmente la prossima settimana, viene inserito anche un bonus di 60 euro per i trasporti pubblici. Questo è stato già reso operativo a partire da settembre 2022. Si tratta di un aiuti contro il rincaro dei costi generali della vita aumentati con l’inflazione. Il bonus potrà essere ottenuto da chi ha un reddito non superiore a 35.000 euro annui e potrà essere speso soltanto per un solo abbonamento per i mezzi pubblici di durata mensile o annuale, fino al 31 dicembre 2022. La domanda va presentata tramite il sito dei trasporti pubblici utilizzando le credenziali SPID o CIE per l’accesso.

Per quanto riguarda la finestra di smart working, invece, viene prolungata entro la data di stop del 31 luglio 2022. La modalità semplificata, invece, permette alle aziende di poter utilizzare lo smart working anche in mancanza di un contratto apposito con i propri dipendenti. Questa sarebbe in vigore fino al 31 agosto 2022, ma verrà a sua volta allungata.