Canone Rai, ora l’aumento diventa inevitabile

Si attende un aumento inevitabile del Canone Rai nel prossimo futuro. Ecco perché e cosa potrebbe cambiare

Il Canone Rai è uno dei temi “cult” dibattuti dall’opinione pubblica italiana e sempre molto attuale. Non si perde mai occasione, infatti, specie durante eventi televisivi di grande impatto mediatico – come Sanremo – nel prendere di mira il tema per poterci fare battute sarcastiche e ottenere facili e scroscianti applausi da parte del pubblico.

Quello del Canone Rai, infatti, è un tema che tornerà presto molto in auge, soprattutto per via di alcune modifiche ormai annunciate. Presto, infatti, potrebbe cambiare il metodo di pagamento del tributo, provocando un inevitabile aumento del suo costo. Intanto la Rai decide di cambiare il suo look. Ecco che cosa succede.

Canone Rai, ecco perché l’aumento è inevitabile

Il Canone Rai è una vera e propria tassa che gli italiani hanno l’obbligo di pagare nel caso in cui si possegga almeno un televisore nella propria abitazione. Proprio per questo, infatti, il Canone Rai viene spesso chiamato “tassa sul televisore”, oltre ad essere al centro di numerosi cambiamenti e critiche.

Durante il governo Renzi, infatti, fu deciso che il Canone Rai dovesse essere inserito all’interno della bolletta. Il presupposto a capo di questa decisione era che chi aveva utenze domestiche da pagare, potesse avere anche un televisore in casa (lasciando comunque la possibilità di dimostrare il contrario ed evitare il pagamento).

Lo scopo dell’inserimento della voce del Canone Rai nella bolletta della luce fu quello della lotta all’evasione fiscale. Una decisione che ha effettivamente portato dei risultati. L’evasione di tale tassa, infatti, è stata fortemente abbattuta, e ciò ha portato ad una notevole diminuzione del costo, passato da 113€ a 90€.

Tuttavia, l’Unione Europea ha intimato il nostro Paese a fare dietrofront e ha togliere il pagamento del Canone dalla bolletta. Questo in quanto il canone viene considerato un onere improprio, dunque non necessariamente correlato al consumo di energia.

Dunque, seguendo gli obiettivi delineati dal Pnrr, il nuovo governo dovrà cambiare il sistema di pagamento del Canone Rai. Una scelta che, pur essendo più equa, porterebbe ad un inevitabile aumento del suo costo (correlato ad un conseguente aumento dell’evasione).

Intanto, la Rai ha deciso di rinnovare il look dello storico edificio in Viale Mazzini: Nuovi spazi, più comfort per le persone – ha dichiarato in un comunicato la stessa Rai – tecnologie all’avanguardia e una progettazione basata sui principi di biofilia e sostenibilità”.