In pensione prima dei 60 anni, perché e quando puoi ottenerla

Andare in pensione prima dei 60 anni è possibile ma non tutti lo sanno. Ecco quando è possibile ottenere questa possibilità

Non tutti sanno che per una donna è più facile andare in pensione prima di raggiungere i 60 anni. Vi è infatti per loro la possibilità di maturare il diritto alla pensione agevolata d’invalidità a 56 anni, mentre viene richiesto un anno in meno di contributi per accedere alla pensione anticipata.

(Pixabay)

Inoltre, la legge prevede che le lavoratrici che vogliono andare in pensione in anticipo possono accedere alla possibilità di utilizzare Opzione Donna. Ma non è finita, le donne possono avere la possibilità di accedere anche all’apposito fondo casalinghe, che permette di maturare l’assegno con anticipo rispetto al compimento dei 60 anni di età.

Ecco perché è quando è possibile andare in pensione prima dei 60 anni per le donne

Le donne devono maturare un anno in meno di anzianità contributiva rispetto agli uomini. Ad oggi, per gli uomini sono necessari 42 anni e 10 mesi di contributi per ottenere a pensione. Per le donne, invece bastano 41 anni e 10 mesi. Dunque, un anno in meno rispetto all’altro sesso. Tuttavia, il raggiungimento di tali requisiti per una donna è particolarmente difficile, in special modo per la questione della maternità.

Dunque, nonostante ci siano una norma che permette alle donne di andare in pensione un anno prima rispetto agli uomini, non sempre questo è davvero possibile.

(Ansa)

Un’altra scelta possibile per andare in pensione anticipata, in questo caso anche più semplice, riguarda Opzione Donna. Ad oggi, inoltre, si sta discutendo animatamente riguardo una possibile proroga fino al 31 dicembre 2022. Possono accedere a questa possibilità chi ha maturato 35 anni di contributi e 58 anni anagrafici, 59 per le lavoratrici autonome.

È prevista una possibilità di pensione anticipata anche per le casalinghe, grazie all’istituzione, nel 1997, del Fondo Casalinghe e Casalinghi. Si tratta di un’iscrizione di 25,82€ al mese che permette di maturare un importo pensionistico. Grazie a questa opzione è possibile andare in pensione a 57 anni con almeno 5 anni di contributi, mentre l’assegno ottenuto dovrà essere pari a quello sociale con una maggiorazione del 20%. Dunque, dovrà essere maggiore di 561,72€.