Elettricità domestica, la salvezza è nel cambiare operatore: cosa devi sapere

I prezzi sulle bollette sembrano ormai impazziti. Ecco cosa devi sapere sul cambio di operatore per risparmiare sull’elettricità domestica

Il rincaro dei prezzi dell’energia inizia a farsi sentire sui prezzi delle bollette e moltissime famiglie risultano essere ormai in grave difficoltà con i pagamenti. Ma le difficoltà potrebbero essere ancora peggiori per via dell’obbligo del passaggio al mercato libero relativo alle utenze domestiche elettriche, entro gennaio 2024.

(Ansa/ Alessandro Di Marco)

Per le aziende che impiegano una potenza sotto i 15kwh, invece, a gennaio 2023 è stato fissato il superamento della tutela di prezzo riguardo l’elettricità. Inoltre, lo stesso giorno è prevista la fine della tutela riguardo le forniture del gas per le famiglie. Ecco, quindi, cosa devi sapere sul cambio di operatore per risparmiare sull’elettricità domestica.

Ecco cosa devi sapere sul cambio di operatore per risparmiare sull’elettricità domestica

Nell’ultimo periodo in molti hanno palesato l’intenzione di cambiare operatore energetico per le proprie utenze. L’obiettivo è quello di trovare l’offerta che convenga di più alla luce dei recenti aumenti. Lo conferma L’Arera, Autorità di regolazione per energia reti e ambiente. Si registra infatti una crescita dei cambiamenti di operatori sia per l’elettricità che per il gas. Sono sempre meno, inoltre, i cittadini che decidono di affidarsi al mercato tutelato (dal 83,3% si è passati al 41,5%).

Tuttavia appare controintuitiva la scelta di passare dal mercato tutelato a quello libero. Il primo, infatti, risultava offrire tariffe più convenienti rispetto a quelle presenti nel mercato libero. Una tendenza che negli anni è cambiata a favore di quest’ultimo, soprattutto per via dell’aumento della concorrenza sul mercato. Coloro che, infatti, hanno optato per il mercato libero tra il 2020 e il 2021, risultano aver impattato meglio gli aumenti dei prezzi.

(Archivio)

Chi ha scelto una tariffa con il prezzo bloccato per un anno nei quattro anni precedenti, ha speso in media, tra luce e gas, circa 5.908€. Le famiglie che invece hanno rinnovato la scelta sul mercato tutelato hanno una spesa media di circa 7.246€, ovvero circa 1.350€ in più rispetto al mercato libero.

Prima di scegliere di cambiare operatore, però, è consigliato consultare il “Portale delle Offerte” messo a disposizione dall’Arera. Questo, infatti, permetterà ai clienti di mettere a confronto le offerte presenti su gas e luce.