Bonus bollette, perché si sta trasformando in una beffa

Ci sono stati dei problemi con il bonus bollette e i chiarimenti sono arrivati in ritardo: qual è la situazione

Il Governo ha istituito un bonus bollette per aiutare le famiglie di fronte alla crisi energetica, eppure molte famiglie non hanno ancora visto nessuno sconto in bolletta, arrivando a pagare fra i 370 e i 400 euro in estate, quindi in pratica quanto un affitto. Nel mese di marzo Draghi aveva alzato il limite Isee per usufruire del bonus da 8.265 fino a 12.000 euro.

Ciò nonostante diverse famiglie hanno riscontrato problemi nella retroattività del bonus. Ma andiamo quindi a vedere che fine ha fatto il bonus sociale bollette. Il costo della luce e del gas nel frattempo continua ad aumentare e le previsioni in vista dell’autunno sono preoccupanti, tanto che dall’Europa è finalmente arrivato un segnale di adesione al tetto sul prezzo del gas.

Bonus bollette, i problemi con l’agevolazione

Ursula von der Leyen si è schierata per la prima volta a favore del meccanismo del price cap per mettere un freno alle speculazioni e la Germania ha deciso di dare il via libera. Per il rialzo del prezzo di luce e gas intanto viene stimato sui 1230 euro a famiglia. In tanti si sono lamentati di non aver visto applicare il bonus nelle proprie bollette pur rientrando nel limite Isee.

L’authority di settore Arera aveva avvertito delle difficoltà nel caso di applicazione retroattiva per chi rientrava nella definizione di reddito medio-basso solo dopo la modifica di marzo. A queste famiglie l’aiuto non è stato riconosciuto in automatico e il presidente Arera Stefano Besseghini ha espresso le sue preoccupazioni in merito.

Queste le sue parole: “La gestione di tale attività potrà avvenire solo in deroga rispetto alla normale procedura sopra descritta, con notevoli difficoltà operative da parte di tutti i soggetti coinvolti nel processo, richiedendo anche nuovi sviluppi informatici”.