Energia razionata e contatori che saltano: sta accadendo qualcosa che non era mai accaduta prima

È vicino alla sua attuazione il piano che prevede l’energia razionata e i contatori limitati. Ecco cosa sta per succedere

Che l’inverno sarebbe stato particolarmente difficile per l’Europa era una certezza ormai assodata da parte dei cittadini. Tuttavia, ad essere poco chiaro era il piano dell’Unione utile a contrastare i rincari energetici ed abbattere i costi. Ma ad oggi, il quadro e le intenzioni dei decisori politici appaiono essere più chiare e decifrabili.

(ansa)

Si intravedono, infatti, risparmi forzati ed energia razionata nei prossimi mesi per affrontare l’inverno e permettere ai cittadini un risparmio che possa ammortizzare il costo in bolletta. Si affaccia, infatti, la possibilità dei “contatori intelligenti” per la maggior parte delle abitazioni, in modo da ridurre la potenza di energia. Ecco come funzionerà.

Energia razionata e contatori intelligenti

Iniziano ad emergere le prime bozze del piano per il razionamento di energia elettrica e di gas previsto dall’Unione Europea. Tra le proposte in campo vi è anche quella di ridurre la potenza dei contatori domestici e delle case private direttamente da remoto. Dunque, senza il necessario intervento del cittadino e completamente automatizzato.

Si parla, quindi, di contatori intelligenti utili ad ottenere il risultato dell’energia razionata nei momenti di maggiore necessità per abbattere i costi della bolletta e ridurre il consumo di elettricità e gas. Tutto ciò può essere consentito dagli smart metering, già installati in numerose abitazioni. Questi dispositivi di seconda generazione, infatti, potranno permettere la disattivazione e attivazione, oltre ai cambi di potenza direttamente da remoto.

Ad oggi è solo un’ipotesi, ma la quale appare sempre più concreta e possibile. Si ragiona, infatti, su questa possibilità in quanto l’emergenza a cui ci avviciniamo ogni giorno di più appare sempre più grave e critica. Il razionamento a distanza, infatti, appare già attuabile grazie alle nuove tecnologie e l’Unione Europea starebbe valutando la possibilità di usufruirne.

Il razionamento di energia, secondo una prima bozza non ancora modificata e ufficializzata, dovrebbe essere previsto in alcune ore della giornata. Se il contatore ha la p(Ansaossibilità di 3,3 kilowatora, questo potrebbe essere portato ad un minore potenza nelle ore di picco dei consumi, come ad esempio la fascia che va dalle 8 e le 7 di sera.