Gas, una notizia dalla Germania ci fa capire che la situazione presto sarà disperata

I grandi eventi che stanno accadendo in questo momento in Europa non sono conseguenza della crisi in corso, ma suoi sintomi. In Germania, dove la situazione è particolarmente grave, lo Stato ha deciso per una mossa al limite del disperato. Questo da il metro di quanto il problema sia grave.

La situazione italiana con il gas naturale che manca e tutte le problematiche economiche che questo fatto si porta dietro è molto grave. Molte famiglie si ritrovano senza i soldi per coprire i costi esorbitanti delle bollette, molte aziende sono costrette a chiudere per l’impossibilità di pagare le bollette dell’energia o per mancanza di materie prime.

Foto ANSA

Per quanto la situazione in Italia sembra disperata, in Germania se la stanno cavando anche peggio. Se in Italia le forniture di energie sono almeno in minima parte diversificate, la Germania non può in alcun modo fare a meno del gas proveniente dalla Russia. Per questa ragione le due diverse chiusure del gasdotto Nord Stream 1 ha causato il panico a Berlino.

Gas, una notizia dalla Germania

In questo momento le maggiori società di produzione e distribuzione di energia tedesche stanno passando l’inferno, andando costantemente in perdita e a rischio chiusura. Ovviamente questo non può essere permesso; le aziende devono continuare a funzionare per permettere ai cittadini di ottenere l’energia elettrica di cui abbisognano. Ecco quindi che la soluzione trovata dal Governo di Scholz è nazionalizzare una delle maggiori compagnie di distribuzione energetica tedesche: Uniper. Secondo i dati forniti dal Ministero dell’Economia tedesco l’azienda produce e distribuisce energia tanto da coprire il 40% delle zone municipalizzate. Il fallimento di un colosso di questo tipo avrebbe voluto dire il crollo totale della Germania. Ecco quello che ha spinto il governo tedesco a investire 30 miliardi di euro per questa massiccia operazione.

Foto ANSA

L’operazione dello Stato tedesco ha permesso l’acquisto del 98,5% delle azioni di Uniper dal precedente azionista di maggioranza, il gruppo finlandese Fortum. Il Governo intende iniettare in Uniper 8 miliardi di euro di aiuti in una mossa storia che cercherà di evitare il completo fallimento di Uniper e il collasso dell’intero settore energetico tedesco. Il ministro dell’Economia tedesco, Robert Habeck, ha parlato di una misura di nazionalizzazione necessaria, visto il drammatico aggravarsi della situazione.