Aumento delle pensioni fino a 160 euro, cosa accadrà davvero ad Ottobre

Ad Ottobre si assisterà ad un aumento delle pensioni fino a 160 euro: ecco quello che devono sapere i titolari di trattamento pensionistico.

I pensionati stanno risentendo della situazione di forte crisi energetica che difatti ha generato un carovita difficile da sostenere. L’inflazione, del resto, non gioca a favore degli italiani dal momento che è stata registrata sul 9,1 per cento. Si tratta di un dato molto preoccupante che fa davvero temere uno scenario molto difficile nei prossimi mesi.

Pasquale Tridico

Come accennato poc’anzi ad Ottobre si assisterà ad un aumento delle pensioni compreso tra i 30 e i 160 euro dovuto alla decisione di anticipare la rivalutazione delle pensioni ad ottobre mentre solitamente ciò avviene a gennaio.

Aumento delle pensioni fino a 160 euro

La rivalutazione, in particolare, è stata fissata al 2 per cento e garantirà aumenti che varieranno in base all’entità della pensione. Oltre a ciò, è stata prevista l’introduzione di una nuova legge per i pensionati relativa al pignoramento. In particolare, è stata stabilita una nuova soglia di impignorabilità sulle pensioni che è pari al doppio della misura massima relativa all’assegno sociale mensile, partendo da un minimo di 1000 euro. La pignorabilità riguarda la parte che eccede il predetto importo secondo i limiti previsti dalla legge. Prima invece la norma stabiliva che le pensioni non potevano essere oggetto di pignoramento per un valore pari al massimo della misura dell’assegno sociale al mese da aumentare della metà.

Va detto che mai come in questo periodo, il fenomeno del pignoramento delle pensioni rappresenta un problema particolarmente diffuso dal momento che molti pensionati si sono ritrovati a chiedere prestiti per poter sostenere le spese. Alla luce di quanto appena detto, è chiaro che si tratta di misure estremamente importanti che hanno sono state introdotte con l’intento di aiutare i pensionati in maniera concreta dal momento che risultano essere tra le categorie più colpite dalle conseguenze generate dalla guerra in Ucraina. Di certo da sole non possono bastare a risolvere la situazione di grande difficoltà in cui stanno versando molte famiglie italiane tuttavia rappresentano un segnale concreto che il Governo ha voluto lanciare e che è auspicabile possa concretizzarsi in altri e ulteriori provvedimenti.