Bollette, ora c’è anche il problema delle frodi

Come se non fosse sufficiente dover spendere migliaia di euro all’anno per le bollette di luce e gas, ci si mettono anche le truffe a complicare il quadro. Falsi operatori che rispondono alle e-mail di richiesta dei consumatori con false offerte, tutto solo per spillare soldi ai malcapitati.

In un momento di disperazione economica come questo ogni offerta sembra un buon modo per risparmiare sulle bollette di luce e gas, ma occorre fare attenzione. Per quante persone disperate ci siano la fuori ce ne sono sempre alcune che provano ad approfittarne. Ecco infatti che stanno diventando sempre più frequenti truffe architettate ad arte per spillare soldi ai malcapitati che credono di risparmiare sulle bollette.

Foto ANSA

Si stanno creando delle vere e proprie associazioni di persone in grado di trarre in trappola i consumatori.

Bollette, ora c’è anche il problema delle frodi

Call center che riescono a falsificare le risposte delle società di distribuzione dell’energia elettrica e del gas, per far attivare servizi non richiesti ai clienti o anche far pagare fatture inesistenti. Secondo le stime di varie associazioni sono circa 3,1 milioni gli italiani caduti vittima di questo tipo di truffe, fatte proprio sfruttando la disponibilità di questo periodo verso le soluzioni al problema delle bollete.

Da uno studio condotto sul fenomento si è notato che le vittime principali di queste truffe non sono tanto gli anziani, come si potrebbe credere, ma 30-40enni con titoli di studio di alto livello. Gianluca Castelnuovo, ordinario di psicologia clinica alla Cattolica di Milano, spiega che questo fenomeno avviene per via della raffinatezza con cui vengono preparate le truffe. Studiando il modus operandi dei truffatori si capisce che questi agiscono su più livelli, da quelli cognitivi a quelli emotivi. In questo modo riescono a toccare corte che normalmente permetterebbero alle persone di individuare e comprendere le truffe in atto.

Foto ANSA

Una truffa che agisce solo sulla parte cognitiva può essere facilmente analizzata in modo freddo e riconosciuta. Quando però entrano in gioco le emozioni, la cosa diventa più complessa perché la mente della vittima si apre e diventa vulnerabile. I danni economici di queste truffe sono ingenti, in quanto a ogni vittima vengono rubati circa 160 euro ogni volta.