Bonus sicurezza 2021, cos’è e come ottenerlo

Tutto ciò che c’è da sapere sul Bonus sicurezza 2021: i requisiti, come ottenerlo, cosa si intende, gli importi.

Tra i numerosi bonus confermati per l’anno 2021 c’è anche il bonus sicurezza, rientrante nel pacchetto del “bonus casa” e confermato dalla Legge di Bilancio. L’agevolazione permette di recuperare il 50% delle spese effettuate nella dichiarazione dei redditi per “l’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi”, laddove per atti illeciti si intendono furti, aggressioni, sequestri di persona, o qualsiasi altro illecito che comporti una lesione dei diritti giuridicamente protetti.
Il bonus può quindi essere percepito sia come detrazione fiscale al 50% da inserire nella dichiarazione dei redditi; oppure, è possibile chiedere al venditore lo sconto in fattura; ancora, optare per la cessione del credito.

Leggi anche: Bonus Inps 2021 senza Isee, quali sono e chi ne ha diritto

Il bonus sicurezza è stato confermato nella Legge di Bilancio ed è fruibile dal 1° gennaio 2021 fino al 31 dicembre 2021. Il bonus, detto anche bonus antifurto, detrazione per la videosorveglianza, detrazione allarme antifurto, permette una detrazione fiscale fino al 50% per le spese sostenute per la messa in sicurezza della propria abitazione. La spesa massima che è possibile effettuare è di 96.000 euro, importo valido anche per gli interventi di ristrutturazione. In entrambi i casi, il tetto massimo rimane invariato.

Leggi anche: Bonus verde per giardini e terrazzi: come funziona e a chi spetta

Cosa rientra nel Bonus

Nel Bonus, rientrano una molteplicità di elementi:

  • acquisto, l’installazione e il montaggio di sistemi antifurto, videosorveglianza professionale a circuito chiuso, videocitofonia e controllo degli accessi;
  • dispositivi per la protezione da allagamenti, fughe di gas, e incendi;
  • acquisto e l’installazione di sistemi di allarme, videosorveglianza, rilevatori di apertura dei serramenti, vetri antisfondamento, sostituzione di serrature, tapparelle motorizzate;
  • messa a punto di cancelli, recinzioni, saracinesche, porte blindate, garage.
  • perizie tecniche, sopralluoghi, adeguamento alle leggi vigenti in tema di privacy.

Come ottenere la detrazione

Per usufruire del bonus non occorre, a differenza di altri bonus – come quello elettrodomestici – avviare ulteriori lavori di ristrutturazione o riqualificazione dell’edificio. Per ottenere la detrazione fiscale è necessario inserire il bonus sicurezza nella dichiarazione dei redditi e il credito verrà successivamente recuperato in 10 quote annuali di pari importo fino a un massimo di 96.000 euro. In alternativa è possibile sfruttare la cessione del credito oppure richiedere direttamente al venditore lo sconto in fattura. Il pagamento deve essere effettuato attraverso metodi tracciabili.

Servono:

  • il codice fiscale del beneficiario e il codice fiscale del fornitore;
  • la data e l’importo delle fatture dei beni e dei servizi acquistati, comprensive dell’Iva;
  • l’indicazione che specifica se la fattura si riferisce a un immobile destinato sia all’esercizio d’impresa o di lavoro autonomo sia all’uso personale o familiare.

A chi spetta

Possono fruire della detrazione fiscale:

  • i soggetti che sono sottoposti al pagamento dell’imposta sui redditi (Irpef) e coloro che sostengono effettivamente il pagamento delle spese.
  • gli inquilini (previa ricezione della dichiarazione di consenso del proprietario dell’immobile);
  • gli usufruttuari;
  • i comodatari;
  • i soci di cooperative;
  • gli imprenditori individuali;
  • le società semplici in nome collettivo, in accomandita semplice, e le imprese familiari.

Latest articles

Related articles