Modello 730, detrazione Irpef del 19% solo se il pagamento è tracciabile

L’Agenzia delle entrate ha specificato che la detrazione del 19% spetta solo in caso di pagamento effettuato con modalità tracciabili.

Maggio è il mese che dà inizio alla compilazione della presentazione dei redditi con il Modello 730. E’ infatti disponibile, sul sito dell’Agenzia delle entrate, il documento relativo al modello 730 precompilato anche se, per inviare la dichiarazione dei redditi, c’è ancora tempo fino a settembre. A partire dal 14 maggio 2021 il contribuente potrà decidere se accettare la dichiarazione dei redditi forniti oppure correggere o modificare alcuni dati previsti. Sempre sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile visionare le scadenze fiscali.

Leggi anche: Bonus ascensore 2021, come ottenerlo: ma attenzione ai requisiti

Dopo alcuni problemi segnalati inizialmente, il portale è andato a regime e decine di migliaia di italiani hanno controllato la loro dichiarazione dei redditi. Fra i temi “caldi” del momento la detrazione del 19% delle spese dall’Irpef, un ampio range di esborsi che va dalle spese per i disabili a quelle per l’istruzione; ma anche spese per le badanti, per l’attività sportiva per i figli e altre ancora. Il denaro speso può essere appunto recuperato come credito d’imposta sull’Irpef,  la tassa più importante del sistema fiscale italiano.
Obbligatorio il tracciamento

Leggi anche: Bonus vacanze prorogato al 2021, tutte le novità: ecco come richiederlo

Solo con modalità tracciabili

L’Agenzia delle Entrate ha specificato che la detrazione del 19 % spetta soltanto a condizione che il pagamento sia stato effettuato con modalità tracciabili, con carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari. L’Agenzia ha poi specificato che la regola non si applica per l’acquisto di medicinali, di dispositivi medici, prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

In questo caso, la spesa è detraibile anche se pagata in contanti. Inoltre, l’Agenzia chiarisce che nella dichiarazione precompilata sono utilizzati i dati delle spese detraibili che rispettano le regole sulla tracciabilità dei pagamenti, in base a quanto comunicato dagli enti esterni e dal sistema tessera sanitaria per quanto riguarda le spese sanitarie. Inoltre, per ogni documento di spesa si può verificare la modalità di pagamento comunicata dall`operatore sanitario.