Bonus vacanze nel modello 730 precompilato: ecco come verificare i dati

Chi ha utilizzato il bonus vacanze dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, ha già indicata la detrazione nel modello 730 precompilato.

Chi ha utilizzato il bonus vacanze dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, ha già indicata la detrazione nella dichiarazione dei redditi pronta all’uso. Pertanto, nel modello 730/2021 precompilato, risulta già indicata la detrazione del 20 per cento. Cosa fare in caso di fruizione indebita e per verificare i dati? A chiarirlo è direttamente l’Agenzia delle entrate. “I contribuenti che dall’estate all’inverno dello scorso anno hanno utilizzato il bonus vacanze, ancora utilizzabile fino a fine anno per chi lo ha richiesto entro la fine del 2020, trovano già indicato lo sconto sull’imposta a cui hanno diritto nel modello 730/2021 precompilato“. Pertanto, i dati sono solo da verificare.

Leggi anche: Smart working, in arrivo un bonus da 516 euro: cos’è, a chi spetta e come funziona

Nello specifico, coloro che hanno beneficiato dello sconto sui servizi utilizzati dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 c devono verificare i dati inseriti nel rigo E83 del quadro E con il codice 3. Le informazioni, arrivate direttamente dalla struttura turistica ricettiva che ha accettato il bonus vacanze, sono disponibili anche nel “Cassetto Fiscale” dei singoli beneficiari. Se l’importo della detrazione non è presente nel rigo E83, il contribuente che ne ha diritto può compilare in autonomia il rigo.

Leggi anche: Bonus vacanze, l’elenco degli alberghi e delle strutture che lo accettano

Il modello 730/2021, inoltre, può essere utilizzato anche per la restituzione del bonus vacanze non spettante, come chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 66 del 2021 ha fornito le istruzioni da seguire. Bisogna indicare il codice 4 nel rigo E83, Altre detrazioni, per comunicare l’importo del “credito d’imposta Vacanze non spettante, totalmente o parzialmente, e che è stato fruito, sotto forma di sconto per il pagamento del soggiorno”. Una volta compilato correttamente il rigo, per il contribuente non ci sarà alcuna conseguenza.

Latest articles

Related articles