Vigili del fuoco a pagamento ecco perché

Non tutti sanno che, a differenza della polizia, gli interventi dei vigili del fuoco sono generalmente a pagamento.

Vigili del fuoco, interventi a pagamento

Il corpo nazionale dei vigili del fuoco è un’istituzione che opera nell’ambito degli interventi di emergenza sotto diversi aspetti. I più comuni, quelli a cui i vigili del fuoco sono maggiormente affiancati, sono gli interventi in caso di incendi, frane, catastrofi naturali di vario tipo, ma non c’è solo questo. L’intervento dei vigili del fuoco può essere rischiesto anche in situazioni di emergenza di entità contenuta, come nel caso in cui ci sia rimasta la macchina impantanata, o ci siamo chiusi fuori casa. Questi interventi che non hanno carattere di urgenza sarebbero a pagamento, ma dipende molto dai casi.

Leggi anche: Istat, il Coronavirus blocca i consumi ma aumenta i risparmi sui conti

La legge che tutela gli interventi dei vigili del fuoco è del 1965 e stabilisce che sono a pagamento i servizi di soccorso che non hanno carattere di urgenza, cioè in cui “non c’è un pericolo imminente di danno a persone o cose”. Stimare con precisione oggettiva quando esista questo pericolo o meno non è facile e ci si affida alla valutazione sul posto del caposquadra che presiede l’intervento. Sarà il caposquadra a valutare, secondo dei parametri che comprendono possibilità di danno a persone o cose, alternative del cittadino e serietà della situazione, se la situazione ha carattere di urgenza o meno. Il caso più classico e stereotipico di intervento dei vigili del fuoco senza urgenza è quello del gattino sull’albero che non riesce a scendere.

Leggi anche: Borse in calo, puntano al rimbalzo: la variante Delta mette agitazione

Quanto costano gli interventi?

Le tariffe degli interventi sono fissate nella stessa legge che regola gli interventi dei vigili del fuoco e viene aggiornata a seconda del corso dell’inflazione. L’ultimo aggiornamento, datato 2012, fissa che gli interventi possono arrivare a 100-200 euro a seconda dell’entità dell’intervento, numero di persone coinvolte e lontananza del luogo dell’intervento dalla stazione dei vigili del fuoco.

La stessa legge del 1965 stabilisce anche quali sono gli interventi facoltativi dei vigili del fuoco, oltre a quelli di intervento in caso di urgenza per incendi o catastrofi naturali:

  • Esecuzioni di studi, ricerche e controlli presso il Centro studi ed esperienze;
  • Servizio di vigilanza presso stabilimenti, laboratori, natanti, depositi, magazzini e simili;
  • Soccorsi tecnici comprendenti: soccorsi stradali, recupero di automezzi e di barche; impiego di autogrù e di mezzi di sollevamento di pompe e di eiettori per lo svuotamento di pozzi, cisterne, vasche, ecc; servizi di demolizione;
  • Servizi di sgombero dopo lo spegnimento di incendi, in seguito a crolli o altri sinistri, quando sia cessato l’intervento di emergenza.