Allarme truffa: fate attenzione a questi SMS e email bancarie

Allerta massima per diversi SMS e email che sembrano provenire dalla vostra banca: vi spieghiamo come riconoscerli.

Attenzione agli SMS truffa e alle false email bancarie (foto Adobestock)
Attenzione agli SMS truffa e alle false email bancarie (foto Adobestock)

Chiaramente non si tratta di un fenomeno nuovo, visto che sia sui nostri cellulari che nelle nostre caselle di posta elettronica arrivano in continuazione messaggi di dubbia provenienza. Stiamo parlando di diversi tipi di messaggi che inducono l’utente al pericoloso click. Si tratta di phishing, un metodo che induce ad aprire messaggi infetti, lo smishing, che invece induce a lasciare i propri dati, e spoofing che invece lavora sulle false identità.

Negli ultimi giorni c’è stata una brusca accelerazione di questi tentativi, soprattutto a carico dei clienti di Unicredit e Intesa Sanpaolo. Non è facile riconoscere questi falsi messaggi, che possono arrivare sia tramite SMS  che per email, in quanto sono totalmente simili a quelli che potrebbe inviare l’istituto bancario.

La Polizia postale invita sempre alla massima cautela nell’aprire questo tipo di messaggi che, va sottolineato, non arrivano mai da fonti ufficiali. Purtroppo sono spesso gli anziani a cadere nella trappola, con tutte le pericolose conseguenze che ne conseguono.

SMS truffa, come riconoscerli e cosa fare

Attenzione agli SMS truffa e alle false email bancarie (foto Adobestock)
Attenzione agli SMS truffa e alle false email bancarie (foto Adobestock)

Cerchiamo di spiegare come funzionano queste truffe e come evitare di caderci dentro. Lo spoofing, come detto, è un messaggio che ricalca pienamente la grafica del vostro istituto di credito e che invita ad aprire un link per aggiornare i vostri dati sensibili, quelli che naturalmente servono per poter poi effettuare prelievi non autorizzati, come i numeri delle carte di credito o del conto bancario o i codici di sicurezza per accedere all’home banking.

Lo smishing invece si concentra sugli SMS. Vi arriva un messaggio sullo smartphone la cui intestazione è quella della vostra banca, mentre la truffa ricalca quella dello spoofing. Il phishing infine è un malware che si installa sul vostro computer, ma anche nel vostro smartphone e accede a tutte le informazioni riservate che avete registrato dentro.

LEGGI ANCHE: Banca su Whatsapp, il futuro delle banche digitali e dei servizi al cliente

Come difendersi? Naturalmente diffidate sempre da questi messaggi: le banche non comunicano in questo modo con i clienti.

LEGGI ANCHE:ISEE 2021, la guida per la compilazione corretta online

Diffidate quindi da avvisi urgenti che indicano un imminente blocco delle vostre carte o di quelli che chiedono di seguire un determinato link. Mai premere pulsanti su numeri di telefono da contattare. Nel dubbio telefonare al numero verde dedicato del vostro istituto e attenzione a numeri di telefono strani. Inoltre non lasciate salvati i vostri dati critici nel cellulare e, fondamentale, denunciate subito il tentativo di truffa.