Invalidità, l’assegno INPS aumenta fino a 650 euro

Lo Stato ha deciso per un aumento delle pensioni di invalidità civile. Gli aumenti possono arrivare fino a 460 euro in più.

aumento pensione di invalidità

Lo Stato riconosce a invalidi parziali o totali alle attività lavorative per motivi psichici o fisici una pensione di invalidità. Questa viene rilasciata dall’INPS e serve come supplemento per il reddito delle persone con invalidità per garantire loro una migliore qualità della vita. I destinatari sono:

  • Persone con soglia uditiva di ipoacusia di 75 db;
  • Mutilati con minorazioni;
  • Persone con talassemie o drepanocitosi;
  • Ciechi civili.

In base all’invalidità della persona cambia l’importo della pensione. Forme di invalidità più gravi comportano un aiuto economico maggior da parte dello Stato. In alcuni casi l’aumento della pensione, che parte da una base di 287,09 euro, può arrivare a 460 o addirittura a 651 euro.

Leggi anche: 3 mila euro al mese non bastano. Quelle 60 persone che l’imprenditore non riesce a trovare

L’assegno base della pensione di invalidità, cioè quello da 287,09 euro, viene erogato alle persone totalmente inabili al lavoro e a chi ha una invalidità compresa tra il 74% e il 99%. Inoltre per ottenere l’assegno occorre avere un reddito non superiore ai 16.982,49 euro per quanto riguarda gli invalidi totali, mentre per gli altri il reddito deve essere inferiore a 4.931,29 euro. Dalla base di partenza della pensione di invalidità è possibile, in certe circostanza, percepire molto di più, fino a 651,51 euro, in base ad alcune specifiche. Per ottenere una pensione di invalidità di 651,51 euro i richiedenti devono essere invalidi civili totali, ciechi civili o sordomuti assoluti che hanno compiuto la maggiore età.

Leggi anche: Il Governo ha trovato 43 milioni per pagare le cure termali agli italiani. Puoi andare, spendere 200 euro e cumulare il bonus alle detrazioni fiscali

Esiste una ulteriore specifica che permette ad alcune persone di percepire una pensione di invalidità di 460 euro al mese. La pensione da 460 euro viene erogata ad un invalido parziale, totale o sordomuti, che abbia compiuto 67 anni, per 13 mensilità. In questo casi l’assegno base viene sostituito da un assegno sociale sostitutivo che viene erogato indipendentemente dai contributi versati. Il requisito per accedere a questo assegno è di avere un reddito inferiore a 5.984,64 euro, o a 11.967,28 euro in caso di reddito coniugale.