Riscaldamento autonomo: perché puoi essere obbligato dagli altri condomini a pagare le spese della caldaia centralizzata

Se si ha deciso di optare per il riscaldamento autonomo, è bene sapere che ci saranno ancora delle spese da sostenere per il riscaldamento condominiale.

riscaldamento centralizzato

Il funzionamento del riscaldamento in un condominio contiene vari costi, che confluiscono nelle spese condominiali o nelle bollette. Ad esempio, ci sono le spese per il combustibile, la manutenzione della caldaia, dei tubi, così come anche tutti i costi per la riparazione o la sostituzione dell’impianto. Ci sono inoltre alcune spese che possono venire addebitate ad alcuni condomini anche dopo l’avvenuto distacco dal sistema di riscaldamento centralizzato, dunque nonostante abbiano ormai un riscaldamento autonomo.

Leggi anche: C’è una nuova sanatoria per gli abusi edilizi, e non tutti l’hanno capito

Infatti, l’impianto del riscaldamento centralizzato fa parte di quelle parti comuni del condominio, per questo rimane di proprietà anche di chi si è distaccato e ha rinunciato al servizio. Per esempio, se il condominio decide di sostituire la caldaia, il proprietario che ha invece un riscaldamento autonomo, dovrà comunque contribuire alla spesa. Inoltre, il condomino può decidere di richiedere il pagamento del consumo involontario. I consumi involontari sono quelli che non dipendono dai consumi o dall’azione degli utenti. Si tratta, principalmente, della dispersione di calore causata dalla rete di distribuzione. L’ammontare delle spese viene calcolato per tutti i condomini, in misura percentuale riferita ai millesimi di proprietà.

Leggi anche: Spese condominiali per l’intervento sulle fognature, se sei single non ti piacerà il modo in cui sono ripartite

Altri costi dovuti al riscaldamento centralizzato

riscaldamento centralizzato

Le spese per un impianto di riscaldamento centralizzato sono parecchie. Le principali riguardano i costi di pulizia e tutto ciò che riguarda la manutenzione ordinaria. Ci sono poi tutte le spese per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, quindi le riparazioni dovuti a guasti, sostituzioni di alcuni pezzi ecc. Tra i costi della manutenzione straordinaria figurano anche tutti gli oneri per quanto riguarda la messa a norma delle nuove disposizioni normative e tecniche, che vengono aggiornate con il trascorrere del tempo. Rimangono poi le spese d’uso (ovvero i consumi) che vengono ripartite tra i condomini.