Rottamazione delle cartelle, il 31 ottobre i tuoi debiti potrebbero essere cancellati

Novità in arrivo per lo stralcio delle cartelle esattoriali, annullate al di sotto dei 5000 euro. Cambiano anche i termini di versamento per gli importi dovuti con la Rottamazione ter e il saldo e stralcio.

E’ operativo lo stralcio delle cartelle esattoriali, solo se queste hanno un importo massimo fino a 5000 euro. A deciderlo è il Ministero dell’Economia e delle finanze, che ha firmato il decreto che ha reso operativa la misura, prevedendo che l’annullamento dei debiti sia effettuato alla data del 31 ottobre 2021. La misura, detta “Pace Fiscale” e prevista dal Decreto Sostegni bis, autorizza l’annullamento delle cartelle esattoriali. Queste devono avere però un importo massimo, conteggiato al lordo, pari a 5.000 euro e devono risalire ad un periodo compreso tra il 2000 e il 2010.

Leggi anche: Fisco, la tregua è finita: dal 31 agosto tornano i pignoramenti

La norma chiarisce anche i rapporti tra agente incaricato della riscossione e il debitore. Il primo, entro il 20 agosto, ha provveduto ad inviare all’Agenzia delle Entrate l’elenco di tutti i codici fiscali a cui sono associate cartelle esattoriali che non superano i 5.000 euro, dunque valide per l’annullamento. Un altro elenco sarà invece inviato entro il 30 settembre e sarà contenente i codici fiscali da escludere dall’elenco precedente, cioè quelli dei contribuenti con un ISEE troppo alto per poter accedere alla pace fiscale e quindi aver diritto allo stralcio. Lo stralcio, sarà effettivo entro il 31 ottobre ed entro il 30 novembre sarà notificato agli enti di riscossione quali cartelle sono state annullate.

Leggi anche: Energia elettrica, è arrivato il bonus che toglie fino a 173 euro all’anno in bolletta

La rottamazione avverrà in automatico, senza necessità di presentare richiesta da parte del contribuente. I contribuenti sono però tenuti a verificare le date per essere certi che le proprie cartelle risultino tra quelle per cui l’Agenzia delle Entrate ha previsto lo stralcio. Per verificare la propria posizione bisogna accedere tramite Spid, Cie, Cns o pin al proprio estratto conto sul sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, dalla pagina “Controlla la tua situazione”. L’elenco dei beneficiari è stato stilato sulla base dei dati relativi alle dichiarazioni dei redditi e alle certificazioni uniche trasmesse nel corso del 2020

Le scadenze

Per quanto riguarda le rate della Rottamazione ter e del saldo e stralcio, sono cambiate le date. Le scadenze, applicabili se i contribuenti sono in regola con gli importi 2019, sono:

  • il 31 luglio 2021, per i versamenti da effettuarsi entro il 28 febbraio 2020;
  • il 31 agosto 2021, per i versamenti da effettuarsi entro il 31 maggio 2020;
  • il 30 settembre 2021, per i versamenti da effettuarsi entro il 31 luglio 2020;
  • il 31 ottobre 2021, per i versamenti da effettuarsi entro il 30 novembre 2020;
  • il 30 novembre 2021, per gli importi di quest’anno.