Saldo e stralcio, come sapere se i tuoi debiti sono stati cancellati dal Fisco

Adesso è possibile controllare e nel caso cancellare i propri debiti con il Fisco, o almeno quelli inferiori a 5.000 euro. Ecco come fare.

saldo e stralcio cancella i debiti

Il Decreto sostegni ha previsto lo stralcio dei debiti fino a 5.000 euro. Nel senso che sono annullati i debiti, risultanti dai singoli carichi affidati dall’agente della riscossione dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, che, alla data di entrata in vigore del decreto sostegni, hanno importo residuo fino a 5.000 euro. Questo è possibile accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate e verificando se si è in regola con il versamento delle rate della Rottamazione-ter e/o del saldo e stralcio in scadenza nell’anno 2019. In questo caso potrebbero esserci dei debiti che possono essere stralciati.

Leggi anche: Incendi domestici, se il tuo appartamento va a fuoco rischi di dover risarcire l’intero condominio

saldo e stralcio cancella i debiti

Tra i debiti oggetto di stralcio sono compresi quelli eventualmente presenti nei piani di pagamento della Rottamazione-ter e del saldo e stralcio. I beneficiari dello stralcio sono:

  • Persone fisiche che hanno percepito nell’anno di imposta 2019 un reddito imponibile fino a 30.000 euro;
  • Soggetti diversi dalle persone fisiche che hanno percepito nel periodo d’importa in corso del 31 dicembre 2019 un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

Si può verificare sul sito dell’Agenzia delle Entrate Riscossione se nei documenti inclusi nel proprio piano di pagamento della Rottamazione-ter e/o del saldo e stralcio, sono presenti carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 rientranti tra quelli di importo residuo fino a 5.000 eur, calcolato alla data del 23 marzo 2021. Per questi la legge ha previsto l’annullamento.

Leggi anche: Assegno Unico è arrivato il momento dei pagamenti arretrati

Per eseguire lo stralcio dei propri debiti basta inserire  dati contenuti nella Comunicazione delle somme dovute, documento ricevuto dai contribuenti che hanno aderito alla rottamazione-ter e saldo e stralcio, per iniziare la verifica. Se vi sono carichi inferiori a 5.000 euro interessati, ne viene comunicata al contribuente la presenza e vi è la possibilità di richiedere i moduli di pagamento aggiornati. La condizione prevista per l’annullamento dei debiti riferiti a persone fisiche è che nel periodo d’imposta 2019 sia stato conseguito un reddito imponibile ai fini delle imposte fino a 30.000 euro, mentre per i soggetti che non siano persone fisiche, che nel periodo di d’imposta in corso alla data 31 dicembre 2019, sia stato conseguito un reddito imponibile fino a 30.000 euro.