Puoi risparmiare facilmente senza stress 100 euro ogni mese. Ecco da dove iniziare

La nostra giornata è piena di piccole spese che accumulandosi nel tempo risultano in una somma che, avendola, ci farebbe stare più tranquilli. Ecco come ottenerla senza sforzo.

risparmio quotidiano

2,50 euro per caffé e cornetto al bar la mattina, 2,50 per uno snack e una bottiglietta d’acqua a metà mattina, poi 5 euro in pausa pranzo, e arriviamo a fine giornata con 10 euro in meno nel portafoglio. Se avessimo fatto colazione a casa, evitato quello snack, e preparato il pranzo da portare a lavoro, quei 10 euro sarebbero stati molto meno e diluiti nella spesa settimanale. Calcolatrice alla mano, è possibile vedere come cambiando qualche piccola abitudine quotidiana possiamo arrivare a risparmiare circa 100 euro al mese, che si traducono in 1.200 euro in più a fine anno.

Leggi anche: Qualità e risparmio, i 7 migliori marchi di detersivi per la lavatrice

risparmio quotidiano

Cominciando dalle spese già analizzate, una colazione fatta in casa costa, diluita nella spesa, circa la metà rispetto a farla tutti i giorni al bar. Stessa cosa di può dire per lo spuntino di metà mattina che, specialmente per chi comincia a lavorare molto presto, è essenziale. Portando da casa un toast e una bottiglietta d’acqua si pagano circa 0,80 euro a fronte dei 2,50 della macchinetta automatica (guadagnandoci anche in qualità). In totale, in una mattinata, a fronte dei 5 euro di spesa che avremmo avuto altrimenti, cambiando queste poche abitudini avremo solo 1,30 euro di spesa al giorno. 3,70 euro di risparmio, che a fine mese si accumulano in 74 euro.

Leggi anche: Condominio se abiti nei piani alti devi pagare di più per la pulizia delle scale. Dicono i giudici

Tolte le piccole spese quotidiane, possiamo passare a quelle dei servizi a cui siamo abbonati inutilmente. Un esempio può essere un abbonamento ad Amazon Prime che non usiamo mai perché facciamo solo pochi acquisti online. Toglierlo ci fa risparmiare 4 euro al mese. Ci sono poi altre spese che possiamo rivedere: un’offerta internet casa che è aumentata di prezzo, ma che per pigrizia non cambiamo, ora possiamo cambiarla o sostituirla con un’offerta migliore; stessa cosa per l’offerta telefonica. Anche se non fossero cambiamenti estremi potrebbero portare a un risparmio di 5 o 10 euro al mese, che aggiunti agli altri portano a 100 euro risparmiati, o anche di più.