Risparmio in cucina e salute: quante volte puoi riutilizzare lo stesso olio di frittura

Il risparmio in cucina passa attraverso alcune semplici idee. Vi siete mai chiesti se sia possibile riutilizzare l’olio per friggere? Uno chef inglese fa chiarezza.

riutilizzare l'olio per friggere

In cucina non si butta via niente. Una massima delle nonne che ha permesso di creare piccoli capolavori culinari che mescolano buon gusto e controllo degli scarti. Esisono molti piatti, soprattutto nella cucina italiana, che fanno dell’utilizzo di parti di riciclo la loro forza, pensiamo alla ribollita toscana o alle arancine siciliane. Sarebbe possibile fare la stessa cosa con l’olio per friggere? In effetti l’olio per frittura viene spesso buttato via una volta utilizzato, ma sembra un peccato buttar via tutto quell’olio utilizzato, cosa che spinge molti a utilizzarlo una seconda volta mettendolo di nuovo sul fuoco la prossima volta. Lo chef e attivista per la lotta allo spreco culinario Tom Hunt spiega quali sono pro e contro di questa pratica.

Leggi anche: Assegno INPS: revoca definitiva se entro oggi non comunicate quanto dovuto

In una rubrica del Guardian, Hunt spiega che non è necessariamente vietato riutilizzare l’olio per frittura una seconda volta, ma che occorre fare attenzione ad alcuni fattori per evitare problemi di salute. Tom Hunt consiglia, nel caso si voglia ottimizzare l’olio per friggere utilizzandolo di nuovo, di scegliere un olio con un alto punto di fumo, cioè un’alta temperatura a cui l’olio bolle, come l’olio extra vergine d’oliva. L’importante è evitare assolutamente che l’olio bruci o che fumi, in quei casi deve essere buttato. Se così non fosse però, l’olio può essere fatto raffreddare, quindi filtrato con un colino fine e una garza e conservato in un contenitore sigillato al buio. Se si segue questo procedimento è possibile riutilizzarlo anche 5 o 6 volte, a seconda di quello che vi si è cucinato dentro.

Leggi anche: Cosa succede alla tua pensione di reversibilità in caso di divorzio

riutilizzare l'olio per friggere

Un aspetto fondamentale è infatti il tipo di ingredienti che vengono cucinati dentro quell’olio e fanno variare e non di poco quante volte l’olio può essere utilizzato o se può essere riutilizzato. Conoscere le combinazioni di cibi che si stanno utilizzando per l’olio è essenziale perché l’olio prenderà odori e sapori delle pietanze che vi sono state cotte dentro in precedenza, quindi si deve sempre considerare con cosa verrà utilizzato lo stesso olio se usato più volte. Per fare un esempio, lo stesso olio con cui si è fatto una frittura di pesce non dovrebbe essere utilizzato per friggere un piatto di carne di pollo. Gli chef raggiunti dalle interviste del Guardian ricordano inoltre che l’olio guasto non deve mai essere versato nel lavandino. Ogni città ha una sua struttura apposita per smaltire l’olio guasto.