Rincari sulle bollette, la mossa di Draghi non basta: «La luce aumenterà di 112 euro, il gas di 263»

Secondo l’Unione nazionale consumatori, le mosse del Governo per rispondere ai rincari sulle bollette non sono abbastanza.

All’aumento dei costi di luce e gas in bolletta, il governo ha risposto eliminando gli oneri di sistema. Ma, secondo l’Unione nazionale consumatori, questo non basterà. Infatti, secondo l’associazione che tutela chi consuma, la mossa del governo servirà solo in parte ad arginare il problema e avrà comunque un impatto limitato. Gli aumenti ci saranno comunque e ammontano, secondo le stime, ad oltre 100 euro per la luce e 260 per il gas su base annua. “Per una famiglia tipo, considerati i dati del secondo trimestre 2021, prima cioè del taglio da 1,2 miliardi avvenuto a giugno, l’annullamento totale degli oneri implicherebbe, su una bolletta media per la luce pari a 562 euro, una riduzione pari a 113 euro, a fronte, però, di un aumento teorico di 225 euro“, fa notare l’Unione.

Leggi anche: Prelievi e pignoramenti delle pensioni per debiti, come farà l’INPS con le persone in difficoltà

Si prospetta, infatti, un aumento del 40% dei prezzi, fronteggiati da un taglio di oneri di sistema inferiori. La bolletta salirebbe, su base annua, di 112 euro e le cose non sembrano andare meglio per il gas. Su una bolletta per la famiglia tipo da 1.028 euro “l’azzeramento degli oneri la abbasserebbe di appena 45 euro, a fronte del rincaro prospettato da Draghi del 30 per cento, pari a 308 euro, con un rialzo finale pari a 263 euro nei dodici mesi”, denuncia l’Unc. L’Unione nazionale consumatori, per questo, chiede di intervenire anche sulle accise, sulle addizionali regionali per il gas e sull’Iva per reggere l’onda d’urto.

Leggi anche: Venti minuti per svuotare un conto corrente, ecco come fanno

Un aiuto considerevole in merito all’aumento delle bollette lo darà il cosiddetto Bonus Bolletta, già attivo del 1 luglio 2021. Si tratta di uno sconto automatico sull’importo delle bollette di luce, gas e acqua destinato a famiglie numerose e cittadini in stato di difficoltà economica. L’obbiettivo del Governo è estendere la platea potenziale il più possibile entro il 1 ottobre 2021. Gli sconti del bonus bolletta sono automatici e vanno in base all’Isee delle famiglie, e non è necessario fare domanda per avere lo sconto.