Rincaro delle bollette, cosa succede se non riesci a pagarle

Le bollette stanno per subire un’impennata di prezzo. In una situazione del genere potremmo pensare sia meglio non pagare affatto. Purtroppo però, ci sono delle coseguenze serie a questa decisione.

bollette insolute

Le bollette del prossimo periodo saranno molto più alte del normale. A causa dell’aumento del prezzo di petrolio e gas naturale dovuto agli strascichi della pandemia e dai problemi diplomatici nei paesi arabi, l’energia in Europa subirà un rincaro del 29,8% per quanto riguarda l’elettricità e del 14,4% per il gaso. Questo costringerà molte persone a dover scegliere tra il pagare le bollette oppure dare priorità al vestiario, alle spese per la scuola dei propri figli o, nei casi più estremi, al cibo. Preso coscienza di questo, cosa si rischia davvero non pagando le bollette? Ci sono delle punizioni maggiori dello stacco delle utenze?

Leggi anche: Cassa integrazione per le partite IVA: assegni fino ad 800 euro al mese

La risposta alla domanda è: tecnicamente no. O meglio, è possibile che il recupero crediti delle aziende fornitrici di energia elettrica, del gas o dei servizi di telefonia arrivi in via giudiziale, e quindi a un pignoramento, ma si tratta di un’eventualità rarissima. Quasi nessun debito riguardante le bollette arriva al punto di dover chiedere il pignoramento dei beni del debitore, e, nel caso, sarebbe conseguenza di un debito eccezionalmente alto. In compenso si rischia che ci vengano staccate le utenze, e per tutto il tempo in cui la bolletta non viene pagata si accumulano interessi di mora. Chi ci è passato sa bene come questi passaggi non avvengano da un giorno all’altro, ma occorrano delle settimane perché avvenga l’intero iter burocratico, dall’invio dell’avviso per raccomandata all’effettivo stacco delle utenze. Questo periodo di proroga per il pagamento delle bollette ha però un costo.

Leggi anche: Sulle rendite della casa andremo fino in fondo, promette Mario Draghi, e dice di non preoccuparci

bollette insolute

Non c’è uan differenza tra il metodo di pagamento delle bollette insolute rispetto a quelle che ancora devono scadere. Anche le bollette insolute si pagano con i medesimi modi, tramite bonifico, oppure prezzo un tabaccaio, o ancora, tramite il servizio di pagamento online dei fornitori stessi. Per mettersi in pari con il pagamento delle bollette insolute, quindi, sarà sufficente pagare l’importo richiesto con tutti gli aggiuntivi di interessi e mora.