“Ecco quanto ci siete costati in un mese”. Gli ospedali portano il conto dei ricoverati per Covid

Quanto sono costati agli ospedali i malati Covid-19? Dall’inizio della pandemia si è fatto un gran parlare di sovraffollamento degli ospedali e dei problemi annessi. Ecco quanto il conto presentato dagli ospedali.

costo ricoveri covid

Fin dall’inizio della pandemia, durante il lockdown e le regioni colorate, si è parlato del problema della capienza degli ospedali. I malati di Covid-19, soprattutto prima dell’arrivo dei vaccini, avevano bisogno di cui particolari all’interno degli ospedali, cosa che rendeva molto problematico il ricovero di tutti gli altri pazienti bisognosi che rischiavano di contrarre il virus dentro l’ospedale stesso. Gli ospedali si sono dovuti occupare dei pazienti Covid-19 per diverso tempo e di moltissimi pazienti. Solo dal 13 agosto al 12 settmebre 2021 i ricoveri per Covid-19 non vaccinati sono stati 70 milioni.

Leggi anche: Carne stampata in 3D: cos’è e perchè potrebbe risolvere tutti i nostri problemi

Ma quanto gli è costato? Ce lo dice una ricerca dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica di Roma (Altems). Nel corso di questa ricerca sono stati presi in considerazione i pazienti Covid-19 che non hanno avuto bisogno di cure a lunghissimo termine, quindi togliendo tutte le terapie per i cosiddetti pazienti long Covid, che necessitavano di cure più specifiche. Il risultato è stato che il costo giornaliero di ospedalizzazione è stato stimato pari a 709,72 euro, mentre quello della terapia intensiva pari 1.680,59 euro. Secondo quanto calcola il report, se ogni paziente non vaccinato ospedalizzato ha un costo medio pro capite di 17.408 euro, il costo totale ammonta a quasi 70 milioni di euro, di cui circa 50 milioni per le ospedalizzazioni in area medica e 18 milioni per le ospedalizzazioni in terapia intensiva.

Leggi anche: Auto, attento a non perdere le chiavi: la duplicazione può essere un salasso

costo ricoveri covid

Se si analizza l’andamento dei ricoveri e dell’infezione tra chi si è sottoposto alla vaccinazione e chi ha scelto di non farlo, e si esaminano i casi ogni 100.000 abitanti, è come trovarsi di fronte a due pandemie diverse che corrono insieme. Infatti le infezioni tra la popolazione che si è sottoposta a vaccinazione sono 28,29, mentre tra la popolazione non vaccinata l’incidenza è pari a 159,74. Per quanto riguarda le ospedalizzazioni, sempre seguendo il criterio delle 100.000 persone, ogni settimana 12,58 persone non vaccinate finiscono in area medica e 1,44 in terapia intensiva. Gli stessi criteri apportati alle persone vaccinare fanno abbassare le stime a 1,58 persone ricoverate in area medica e 0,11 in terapia intensiva.