Foglio rosa e patente senza spendere i soldi della scuola guida. Sì può fare

Prendere la patente o il foglio rosa autonomamente è possibile, svolgendo tutte le pratiche da privatista.

Foglio rosa e patente senza spendere i soldi della scuola guida? E’ possibile. Come? Inoltrando autonomamente le pratiche alla motorizzazione. Il candidato deve infatti svolgere da sé tutte le pratiche necessarie all’ottenimento della patente, rivolgendosi alla motorizzazione civile. E’ necessario compilare il Modulo TT 2112, disponibile anche online sul Portale dell’Automobilista, allegando 2 fototessere e il certificato anamnestico rilasciato dal proprio medico, in seguito alla visita specialistica per l’accertamento dei requisiti per il rilascio della patente di guida. E’ altresì necessario versare 26,40 euro al conto corrente 9001 per l’iscrizione alla Motorizzazione civile, 16 euro al conto corrente 4028 per sostenere l’esame di teoria, 16 euro per quello pratico.

Leggi anche: Buoni fruttiferi postali e un po’ di pazienza: come ritrovarsi in tasca 10.000 euro

In tutti i casi, il candidato deve quindi dichiarare di essere in possesso dei requisiti richiesti per il rilascio della patente e che non è titolare di altra patente di guida oltre a quella eventualmente indicata nella domanda. Inoltre deve dichiarare che non è stata disposta la sospensione della patente eventualmente posseduta e che i dati riportati nella domanda siano veri. Il modulo può essere usato per la richiesta di patente di guida di qualunque categoria o per qualunque altro titolo e deve essere corredato in ogni sua parte con allegato i documenti richiesti.

Leggi anche: Quota Cento addio, il futuro della pensioni è nero e nulla sarà più come prima

L’Ufficio Provinciale restituisce il modulo dopo la registrazione corredato dei documenti in originale con la ricevuta per l’esame di guida. Il modulo deve essere conservato e presentato con i documenti richiesti a ogni prova di esame. Per svolgere l’esame, l’Ufficio Provinciale rilascia lo statino d’esame insieme a dei tagliandi, ognuno dei quali va utilizzato per prenotarsi all’Ufficio Provinciale per una determinata seduta di esami teorici o pratici di guida. Uno dei vantaggi è sicuramente il risparmio. Prendere la patente in forma autonoma permette di risparmiare circa un terzo dell’importo richiesto da una scuola guida, che può arrivare anche a 1.000 euro.