La signora delle caramelle lascia 48 milioni di euro agli altri, al figlio nulla

La britannica Doreen Lotfhouse scompare all’età di 91 anni e lascia 41 milioni di sterline ad un ente di beneficenza e una parte alla servitù.

Fisherman’s friend

Nel Regno Unito questo si può fare, perché non esiste una legge che prevede un obbligo di “legittima” per gli eredi diretti, come avviene qui in Italia. Nel nostro paese la metà dell’eredità spetta ai discendenti diretti, quindi i figlie, mentre si può disporre liberamente dell’altra parte. Nel diritto anglosassone invece c’è totale liberta nel redarre il testamento come meglio si credo, cosa che del resto è avvenuta nella decisione di Doreen Lotfhouse.

Facciamo un passo indietro e torniamo alla fine dell’800 a Fleetwood, una località posta nel nord-ovest dell’Inghilterra, dove un farmacista della famiglia Lofthouse trovò un modo per alleviare i fastidi alla gola dei pescatori di zona, spesso in mare a lungo. Gli sciroppi iniziali si trasformarono poi in caramelle al gusto di liquirizia, mentolo e eucalipto che poi hanno reso questa compagnia famosa in tutto il mondo grazie alle caramelle “Fisherman’s Friend“.

L’eredità va alla cittadina, ai giardinieri e ai camerieri: ma il figlio resta a bocca asciutta

Fisherman’s friend

LEGGI ANCHE: Rottamazione cartelle, nuova chance per i decaduti dalla pace fiscale

La virata verso l’export in tutto il mondo è avvenuta proprio sotto Doreen Lofthouse, che ha trasformato la piccola produzione in una vera e propria fabbrica. La oramai ex titolare dunque ha lasciato in eredità un patrimonio consistente, di circa 41 milioni di sterline, ma ha deciso di non lasciare nulla a figli. Per quanto possa sembrare strano in un paese come il nostro, questa pratica non è rara sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti. Spesso chi ha raggiunto il successo faticando pretende la stessa abnegazione da parte dei discendenti che “devono farsi da sè”.

LEGGI ANCHE: “Cerchiamo non meno di 100 mila persone a cui dare lavoro. E non le troviamo”

Secondo la BBC la Lotfhouse, vedova dal 2018, ha lasciato la quasi totalità della cifra ad un ente di beneficenza che vuole sviluppare proprio la cittadina di Fleetwood, mentre ha voluto ringraziare il personale della sua casa, domestici, segretarie e giardinieri, con un lascito di 300mila euro. Inoltre ha voluto lasciare i suoi gioielli al figlio Duncan, che è rimasto a bocca asciutta, ma che comunque è alla guida dell’azienda.