Rubati dati e accessi ai conti correnti di 300 mila persone: avevano uno smartphone Android

Il mercato nero di informazioni personali è uno dei più floridi per hacker e criminali informatici di ogni tipo. Un virus per android ha già mietuto numeri impressionanti di vittime.

Il furto e rivendita di informazioni personali può essere estremamente redditizio, in particolare se si è in grado di rubare molte informazioni a molte persone diverse. Ultimamente, un virus per Android si è imposto come re indiscusso del furto di informazioni digitali. Il nome di questo virus è SVpeng, è un virus di tipo trojan, capace di infettare gli apparecchi delle vittime al semplice clik di un link, per poi sottrarre importanti informazioni che possono essere riutilizzate contro di lui. Le vittime del trojan SVpeng sono ad oggi oltre 300.000, con una media di 38.000 infezioni al giorno.

Leggi anche: Cosa fare per tenere lontano il Fisco dal tuo conto corrente

A dare l’allarme è la compagnia di sicurezza informatica Kaspersky Lab., che ha fornito i dati sopra citati. Gli attacchi del virus avvengono tramite l’installazione di quella che agli utenti appare come una semplice applicazione, ma che in realtà permette ad utenti esterni di spiare ogni angolo dello smarphone della vittima. Il gruppo di haker programmatori di questo potente virus, probabilmente russi, hanno già colpito diverse volte in passato, attivi già nel 2016. A dare il via a questo furto su vasta scala è stata una falla nella sicurezza di Google Chrome, la app di ricerca internet installata su tutti i dispositivi Android. Grazie a questo bug, gli hacker potevano veicolare il loro virus nascondendolo dentro semplici AdSense pubblicitari come tanti se ne trovano su internet, ma che al primo click porta all’installazione del virus.

Leggi anche: Contributi a fondo perduto, attenti alla data trappola: è il 21 dicembre, non il 31

Una volta nella memoria del dispositivo, SVpeng chiedeva all’utente i privilegi di amministratore, così da poter agire in autonomia. Si parla di questa operazione al passato perché Google, accortasi di questa falle nei loro sistemi, è stata rapida a chiuderla, impedendo che altri attacchi potessero essere intrapresi in questo modo. Nonostante questo il trojan SVpeng è ancora estremamente pericoloso, e si sconsiglia a tutti i possessori di apparecchi Android di utilizzarlo senza un adeguato antivirus, considerando anche che Android ne mette a disposizione di buoni gratuitamente.