Bollo auto, attenzione a non pagarlo al posto d’altri

Quando si acquista un’auto usata bisogna stare attenti a verificare la data di scadenza del bollo auto, se non si vuole pagare al posto di altri.

Bollo auto, attenzione a non pagarlo al posto d'altri

Sicuramente i primi aspetti a cui si guarda al momento dell’acquisto di un’automobile usata sono le condizioni tecniche del veicolo e che tutto corrisponda a quanto era stato annunciato nell’offerta, nel caso in cui acquirente e venditore siano entrati in contatto attraverso siti online.

La scadenza del bollo auto

Non sempre si pensa invece a verificare la scadenza del bollo auto, cioè la tassa sulle vetture che deve essere pagata ogni anno. Per verificarlo, basta inserire la targa del veicolo su portale dell’Aci o su quello dell’Agenzia delle Entrate. C’è infatti da tenere in considerazione che l’imposta è legata al proprietario e non all’auto.

Dunque, nel caso di un’auto usata, spetta pagare il bollo auto a colui il quale risulti essere il proprietario l’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento (ovvero l’ultimo giorno del mese successivo a quello dell’immatricolazione). A meno di non vivere in Lombardia. Qui ha l’obbligo di pagare la tassa chi risulta proprietario il primo giorno utile per il pagamento (quindi il primo giorno del mese successivo a quello d’immatricolazione).

Leggi anche: Cartelle esattoriali, dopo Natale hai pochi giorni per presentare richiesta di dilazione

Un esempio concreto

Bollo auto, attenzione a non pagarlo al posto d'altri

Tutto questo è importante per evitare di pagare il bollo auto quando spetterebbe in realtà al precedente proprietario. Se, poniamo, il bollo auto di un’automobile scadesse a gennaio e la vendita avvenisse nello stesso mese, spetterebbe pagarlo all’acquirente. Poiché sarebbe lui l’intestatario del veicolo il mese successivo alla scadenza, data ultima per pagare il bollo.

Leggi anche: Mobili ed elettrodomestici, pochissimi giorni per usufruire di un bonus più alto

Se, invece, la vendita avvenisse il 1 marzo, il pagamento spetterebbe al vecchio proprietario, pur non usufruendo del mezzo, in quanto ancora intestatario al 28 febbraio (ultimo giorno di scadenza dell’imposta). Insomma, è bene fare molta attenzione alle date.