Assegno unico 2022, come fare domanda senza commettere errori

E’ possibile fare domanda per ricevere l’assegno unico 2022. Ecco come fare per richiedere il sussidio

Dal 1° gennaio 2022 sono partite le domande per richiedere l’assegno unico e universale per i figli a carico. La misura si configura come un sostegno economico alle famiglie che viene attribuito per ogni figlio a carico fino al compimento dei 21 anni, al ricorrere di determinate condizioni, e senza limiti di età per i figli disabili. L’importo spettante varia in base alla condizione economica del nucleo familiare sulla base di ISEE valido al momento della domanda, tenuto conto dell’età e del numero dei figli nonché di eventuali situazioni di disabilità dei figli. Come spiega l’Inps nella sezione sul sito dedicata alla misura, “l’ assegno è definito unico, poiché è finalizzato alla semplificazione e al contestuale potenziamento degli interventi diretti a sostenere la genitorialità e la natalità, e universale in quanto viene garantito in misura minima a tutte le famiglie con figli a carico, anche in assenza di ISEE o con ISEE superiore alla soglia di euro 40mila”.

Leggi anche: Soldi fermi sui conti correnti, arrivano nuove tasse

L’assegno unico va a sostituire alcune misure per le famiglie attualmente in vigore come il bonus mamma domani, l’assegno al nucleo familiare per i figli, gli assegni familiari, il bonus bebè. Con l’attivazione della misura, a partire dal 1° marzo 2022, cesserà l’erogazione dell’assegno dei Comuni ai nuclei familiari numerosi e l’applicazione in busta paga delle detrazioni fiscali per i figli fino a 21 anni di età. Il bonus asilo nido rimane pienamente in vigore.

Leggi anche: Multe a chi non utilizza i Pos, questa volta il Governo vuole fare sul serio

Come fare domanda

La domanda per l’assegno unico e universale è annuale, comprendendo le mensilità che vanno da marzo a febbraio dell’anno successivo. Può essere presentata a partire dal 1° gennaio 2022 da uno dei due genitori esercenti la responsabilità genitoriale a prescindere dalla convivenza con il figlio. Come specifica l’Istituto di previdenza sociale, per le domande presentate a gennaio e febbraio, l’assegno sarà corrisposto a partire dal mese di marzo 2022; i relativi pagamenti saranno effettuati dal 15 al 21 marzo 2022. Per le domande presentate dal 1° gennaio al 30 giugno 2022, l’assegno unico e universale spetta con tutti gli arretrati a partire dal mese di marzo 2022. Per le domande presentate dopo il 30 giugno, l’assegno decorre dal mese successivo a quello di presentazione ed è determinato sulla base dell’ ISEE al momento della domanda.

Leggi anche: Riforma IRPEF, potresti perdere 188 euro

La domanda può essere presentata accedendo dal sito web www.inps.it al servizio “Assegno unico e universale per i figli a carico” con SPID almeno di livello 2, Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS); contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile, con la tariffa applicata dal gestore telefonico); tramite enti di patronato, attraverso i servizi telematici offerti gratuitamente dagli stessi.