Se hai mal di schiena l’INPS deve staccare un assegno per te ogni mese, ecco quando

Il mal di schiena è una patologia molto comune che può causare diversi problemi a chi ne soffre. In alcuni casi, l’Inps può fare qualcosa 

Anche se spesso sottovalutato, il mal di schiena è un dolore molto comune e, se diventa cronico, diventa molto problematico per chi ne soffre. Le cause dei dolori alla schiena sono molteplici e spesso non è molto semplice individuarne le cause. Il dolore è spesso temporaneo, mentre in altri casi può diventare cronico. Guardando ai dati, il mal di schiena è la terza causa di assenza dal lavoro dopo l’ influenza e le malattie a carico delle prime vie respiratorie e a soffrirne maggiormente sono gli individui con più di 50 anni.

Leggi anche: Controlli dell’INPS sulle pensioni. Se non rispondi ad agosto puoi restare senza assegno

Un mal di schiena può dar diritto alla 104? Dipende dai casi. Un mal di schiena cronico, dovuto a patologie reumatoide croniche o a traumi che lasciano danni permanenti, può dare diritto alla 104. Diversamente, un mal di schiena sporadico o transitorio non rientra nei casi in cui la 104 è riconosciuta. La legge 104 del 5 febbraio 1992 è il riferimento legislativo “per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate” e si rivolge ai cittadini disabili e a chi si prende cura di queste ultime, i cargiver. Le patologie che danno diritto alla 104 sono moltissime ma, in ogni caso, è necessario che la patologia sia oggetto di accertamenti medici al fine di verificare la sussistenza dei requisiti in presenza dei quali ottenere i benefici.

Leggi anche: 2022: puoi andare in pensione con 20 anni di contributi

In particolare, bisogna valutare l’incidenza delle infermità sulla capacità lavorativa che dipende dalla gravità della patologia a cui è associata una predeterminata percentuale di invalidità. La disabilità deve essere accertata da un’apposita commissione medica. Bisogna presentare apposita domanda all’INPS dietro certificato rilasciato dal medico curante per presentare domanda e iniziare l’iter.