Controlli dell’INPS sulle pensioni. Se non rispondi ad agosto puoi restare senza assegno

Partiranno presto i controlli dell’Istituto di previdenza sociale sui pensionati. Occhi puntati sui residenti all’estero

Partiranno a febbraio 2022 i controlli dell’INPS sui pensionati che dovranno dimostrare per tempo l’esistenza in vita, pena la perdita dell’assegno pensionistico. Infatti, la situazione pandemica ha reso più complicato il tracciamento dei pensionati e il sistema di controllo sui pensionati che percepiscono pensione italiana ma residenti all’estero ha avuto non pochi problemi. Dunque, a partire da febbraio e per 4 mesi, i pensionati dovranno confermare di essere in vita. A richiedere la procedura è stato il Ministero degli Affari Esteri, su proposta dell’Istituto INPS, che ha emanato una circolare per attivare tutte le strutture consolari affinché si eviti di erogare pensioni a persone decedute.

Leggi anche: Recupero crediti, come bloccare le loro telefonate una volta per tutte

La fase di accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati residenti all’estero partirà dal prossimo 7 febbraio 2022 per i pensionati residenti nel continente americano, nei Paesi scandinavi, negli Stati dell’Est Europa e limitrofi, in Ansia, in Medio ed Estero Oriente. Questi riceveranno i moduli di richiesta di attestazione dell’esistenza in vita attraverso Citibank NA, l’Associazione italiana banche estere. Il modulo da compilare e inviare in formato digitale eviterà gli assembramenti in un periodo di emergenza sanitaria e il tempo a disposizione permetterà di evitare corse all’ultimo minuto. Il pensionato avrà quattro mesi di tempo. Dunque, entro il 7 giugno, i moduli dovranno quindi essere restituiti alla banca.

Se questo non avviene, e il pensionato non conferma la propria esistenza in vita, la rata della pensione di luglio sarà pagata in contanti nelle Agenzie di Western Union. Alla mancata riscossione da parte del pensionato o alla mancata produzione dell’attestazione di esistenza invita entro il 19 luglio 2022, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dalla rata di agosto 2022.

Leggi anche: Così cambiano le buste paga di 8 milioni di lavoratori

 

 

Successivamente alla presentazione del modulo, l’Ufficio consolare farà una verifica diretta tramite una videochiamata che potrà avvenire su Skype, Zoom, Microsoft Teams, Webex o Whatsapp.