Bancomat, il tuo prelievo non è disponibile. Quando devi iniziare a preoccuparti davvero

In alcuni casi, può capitare che il prelievo al bancomat non è disponibile. Ecco in quali casi e perché avviene 

Prelievo non disponibile! Quante volte, provando a ritirare dei soldi dal nostro bancomat, ci è comparso questo messaggio? Un messaggio che sa di allarme e che fa pensare a truffe o a insufficienza sul conto di denaro da prevelare. Il prelievo non disponibile può dipendere da moltissimi fattori ma, spesso e volentieri, una delle principali cause è proprio l’orario. Spesso si corre all’ Atm per un’esigenza dell’ultimo minuto e ci si trova impossibilitati dall’effettuare l’operazione. Questo può dipendere, tra le altre cose, anche dall’orario in cui ci si reca al prelievo.

Leggi anche: Poche lire e avrai 14 mila euro. Ecco la moneta che faresti bene a trovare

Infatti, può capitare che la filiale abbia finito il denaro disponibile per quel giorno e che, dopo una certa ora, abbia bloccato i ritiri. Inoltre, tra le cause del mancato prelievo, può esserci anche il guasto tecnico allo sportello Atm, che potrebbe essere in manutenzione e quindi bloccare. In genere, le banche lasciano un cartello con l’indicazione del guasto ma questo potrebbe anche non accadere. Per essere tranquilli, basta cercare un altro sportello e verificare se il prelievo è possibile. Un altro caso possibile è il superamento del limite giornaliero di prelievi. E’ infatti possibile prelevare una certa cifra di contanti ogni giorno. Il limite è inserito nel contratto stipulato con il singolo istituto di credito e varia da banca a banca. I massimali giornalieri, in genere, non superano i 500 euro.

Leggi anche: INPS, ecco le date dei pagamenti 2022: tutto quello che devi sapere

Oltre a questi casi che si rivelano solo un tentato allarme, può capitare anche di essere rimasti vittime di truffe o clonazioni delle nostre carte di credito. E’ probabile, quindi, che il nostro denaro sia stato prosciugato e il nostro conto sia rimasto a secco. Per verificarlo, basta accedere alla propria home banking e verificare l’estratto conto.