Patente e revisione, perchè se anche pensi di essere in regola ora possono multarti

Il prolungarsi dello stato di emergenza sanitaria ha compromesso anche i calendari di scadenza di patenti ed esami guida. Attenzione alle nuove scadenze o potreste ritrovarvi in difetto anche senza saperlo.

Con lo stato di emergenza spostato in avanti al 31 marzo, anche i calendari di scadenze di patenti, esame guida e revisioni di veicoli sono stati modificati. Lo stato di emergenza, con le sue regole e restrizioni per evitare i contagi, rallenta non poco il lavoro amministrativo, quindi le date delle scadenze devono per forza di cose cambiare per star dietro ai ritmi più lenti del periodo di pandemia. Conoscere il nuovo caldenario è necessario anche per i contribuenti, che potrebbero ritrovarsi senza saperlo con la patente o la revisione del veicolo scaduta senza neanche saperlo.

Leggi anche: Pagare l’affitto con il Reddito di Cittadinanza, cosa dice la Legge

Per coloro che devono conseguire la patente, se hanno presentato la domanda dal 1 gennaio 2021 al 31 marzo 2022 potranno svolgere la prova entro 1 anno (e non entro 6 mesi) dalla data di presentazione e accettazione della domanda. Invece, per quanto riguarda i fogli rosa in scadenza tra il 31 gennaio 2022 e il 31 marzo 2022 ci sarà una proroga valida fino al 29 giugno 2022 (90 giorni dopo il 31 marzo, data attuale della cessazione dello stato di emergenza). Nel caso di patenti scadute o in scadenza tra il 31 gennaio 2022 e il 31 marzo 2022, i documenti saranno validi fino al 29 giugno 2022. Nel caso in cui si debba circolare in territorio UE, il Mit ricorda:

  • Le patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza tra il 1 febbraio 2020 e il 31 maggio 2020 sono valide fino a 13 mesi dopo la normale scadenza;
  • Le patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza tra il 1 giugno 2020 e il 31 agosto 2020 sono valide fino al 1 luglio 2021;
  • Le patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza tra il 1 settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono valide fino a 10 mesi dopo la scadenza normale.

Leggi anche: Assegno per la famiglia, c’è la data del primo pagamento

Per quanto riguarda le revisioni dei veicoli di categoria M (automobili, autobus, autocaravan, ecc), categoria N (camion, autoarticolati) e categorie O3 – O4 (rimorchi di massa maggiore di 3,5 t) con la revisione scaduta tra ottobre 2020 e giugno 2021, questa sarà valida per la circolazione fino a 10 mesi dopo la normale scadenza.