Gas, perchè l’Italia sta per affrontare la tempesta perfetta

Per l’Italia è in arrivo la tempesta perfetta. La crisi energetica che va a prefigurarsi rischia di mettere in ginocchio milioni di famiglie. Scopriamo insieme perchè e quali sono i possibili rischi per gli italiani.

La guerra in atto tra Russia e Ucraina ha portato ad un aumento dei prezzi dell’energia portando ad un conseguente aumento dell’inflazione e un indebolimento dell’euro che prefigura un rischio recessione davvero allarmante. I rapporti tesi con la Russia, peraltro, non consentono di metter su accordi a lungo periodo. Questo finisce per mettere l’Europa letteralmente all’angolo scatenando la tempesta perfetta.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe, l’’Unione Europea ha deciso di sanzionare pesantemente Mosca. Ciò ha finito inevitabilmente per generare rincari sulla bollette del gas, senza contare che Gazprom, colosso energetico russo, potrebbe ritirare da un momento all’altro le forniture. Per diversi esperti, infatti, l’Unione Europea potrebbe essere colpita da una tempesta perfetta che necessita una visione più ampia che si poggi su una strategia in grado di non condannare ad una recessione certa e che avrebbe degli effetti davvero spaventosi. D’altro canto c’è chi ritiene che la Russia non possegga le risorse necessarie per poter portare avanti questa guerra, tuttavia, a fornire le risorse è la stessa UE. Dall’inizio del conflitto, di fatti, sono oltre 60 milioni gli euro che ha versato irrorando le casse della Russia per la fornitura di petrolio, gas e carbone.

Si tratta di un circolo vizioso dunque che ingabbia il continente europeo. In tale situazione, si fa ancor più evidente la competizione tra i vari paesi d’Europa per accaparrarsi Gas naturale liquefatto. Tutto questo dovrà spingere i vari governi a mettere in atto strategie politiche volte a contrastare l’aumento dell’inflazione e l’indebolimento dell’euro. A farne le spese come sempre saranno le famiglie che si troveranno ad affrontare ulteriori sacrifici. Dopo l’uscita dallo stato di emergenza dovuto alla pandemia da covid, infatti, il conflitto tra Russia e Ucraina rischia di destabilizzare nuovamente la vita degli italiani e non solo. Questi, a conti fatti, saranno chiamati ad affrontare i rincari in bolletta e dunque a dover fare i conti con una nuova emergenza.