Reddito di Cittadinanza, c’è un altro obbligo se vuoi ancora ricevere soldi

Chiunque sia interessato ad ottenere il Reddito di Cittadinanza sa che esistono dei doveri: ma c’è un obbligo da tenere a mente con attenzione in questo ultimo periodo, e fa riferimento allo Spid. Ecco di che cosa stiamo parlando.

Spid obbligatorio per reddito cittadinanza 2022: sussiste un vero e proprio dovere per tutti i percettori del RDC da questo punto di vista. In cosa consiste? Chi davvero è tenuto a far cosa e da quando? Vediamoci chiaro.

Reddito cittadinanza
Reddito cittadinanza / Fonte : Pexels

Dal prossimo 2022 chi ha diritto ad ottenere il reddito di cittadinanza deve per forza di cosa avere lo Spid: da quando scatta obbligo? E come funziona? Come mai è stato imposto lo Spid per chi ha il reddito di cittadinanza?

L’obbligo di dotarsi dello Spid per chi beneficia del reddito di cittadinanza parte secondo un protocollo scandito in due fasi: per chi è già precettore di reddito di cittadinanza, è già iscritto alla piattaforma MyAnpal e ha già approvato il Patto per il Lavoro, l’obbligo dello Spid parte dal primo marzo 2022.

Al contrario, per colui che ancora non è arrivato ad iscriversi ai Centri per l’impiego e a sottoscrivere dunque il Patto per il lavoro, l’obbligo di dotarsi di Spid inizia dall’11 gennaio 2022.

Spid obbligatorio per reddito cittadinanza 2022: ecco per chi

Reddito cittadinanza / Fonte: Pexels

Non ci saranno grosse correzioni riguardo la richiesta e i requisiti per godere del reddito di cittadinanza 2022 ma, così come dal prossimo anno per i titolari del sussidio sono indicati prossimi nuovi controlli, la vera grande novità dello Spid obblibgatorio scatta in ogni caso, e come visto, in due tappe.

Stando a quanto indicato, l’uso dello Spid diventa obbligatorio per tutti i beneficiari del reddito di cittadinanza. Il Sistema pubblico di identità digitale come sappiamo offre la chance di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei soggetti privati. E’ diventato sempre di più un tratto distintivo della persona e un lasciapassare per tutta una vasta serie di opzioni, benefici e iter burocratici.

L’obbligo dello Spid legato al reddito di cittadinanza come visto dunque parte dall’11 gennaio 2022, vale per chi deve ancora iscriversi ai Centri per l’impiego e sottoscrivere il Patto per il lavoro, al contrario di chi, dal primo marzo 2022 vede lo stesso obbligo di dorarsi di Spid: vale a dire, come anticipato, per chi è già beneficiario del reddito di cittadinanza e ha aderito al Patto per il Lavoro presso i Centri dell’Impiego.

Come procedere per avere lo Spid

Reddito cittadinanza / Fonte: Pexels

In dettaglio, chi è già entrato e registrato su MyAnpal può inserirsi nella piattaforma con le vecchie credenziali e dal primo marzo deve avere lo Spid, così come viceversa i fruitori del reddito di cittadinanza che debbono registrarsi su MyAnpal, hanno l’obbligo di avere lo Spid a partire dall’11 gennaio 2022 e solo con lo Spid si potrà registrare al sito stesso.

Lo Spid obbligatorio è vincolante per accedere al sito MyAnpal, piattaforma per i sottoscrittori del Patto per il Lavoro. In ipotesi, a parte lo Spid si può accedere con la Cns, Carta nazionale dei servizi, o la Cie, Carta di identità elettronica. In mancanza di Spid, Cie e Cns non si potrà accedere a MyAnpal.