Prestito di denaro contante cosa si può fare fino al 31 dicembre

Ecco come funziona il prestito del denaro in contante. Si può fare fino al 31 dicembre, tutti i dettagli. 

Per il prestito di denaro in contante ci sono delle norme da rispettare. Innanzitutto, la prima regola, riguarda il limite per la cifra. E’ fissato un tetto massimo di soldi per tutti i trasferimento di denaro, inclusi prestiti familiari, tra amici e anche donazioni.

Esistono dei limiti da non valicare per quanto riguarda il prestito di denaro ad un familiare, amico e parente. Non si tratta di una operazione illegale, ci sono però delle regole da rispettare per concludere questa procedura. Bisogna, innanzitutto, limitare il movimento di contanti. Vediamo quindi nei dettagli, come funziona il prestito di denaro tra soggetti diversi.

Nel 2022 è entrata in vigore la legge che limita l’utilizzo dei contanti a 2 mila euro. Questa soglia è applicabile per tutti i tipi di trasferimenti di denaro. Sono inclusi anche i prestiti familiari tra parenti oppure amici. Comprese anche le donazioni. Sono vietati i trasferimenti di denaro in contante per una cifra superiore ai 2 mila euro. Così come il contribuente non può dare 4 mila euro ad un familiare con la promessa o meno di restituzione. Questo tipo di operazione è da considerarsi illegale ed è soggetta a sanzione.

Quale rischi ci sono? Dall’1% fino al  40% dell’importo trasferito e dal 5% al 40% dell’importo trasferito se superano il limiti di 50.000 euro. La sanzione può essere applicata sia a chi ha ricevuto il denaro e sia a chi ha effettuato il trasferimento.

La stretta sull’uso dei contanti non riguarda solo i prestiti. La norma, in vigore fino al 31 dicembre 2022, vale anche per i pagamenti di fatture, finanziamento all’interno di una società e distribuzione utili ai soci. Anche per i libretti bancari e postali al portatore il limite è di 999,99 euro. Inoltre, per i pagamenti maggiori di 1.999.999 euro, non possono essere utilizzati i contanti. Servono strumenti di pagamenti tracciabili.

Regola diversa, invece, per quanto riguarda il prelievo bancomat o allo sportello. Ciascun cittadino può prendere i soldi in base ai massimali applicati dal proprio istituto di credito. Senza tener conto delle soglie per l’utilizzo di contanti.