Ossido di etilene, ritirato dai supermercati il gelato Häagen-Dazs

E’ stato ritirato dai supermercati il gelato Häagen-Dazs per via della presenza di ossido di etilene. Ecco i lotti interessati.

Con l’inizio dell’estate le temperature cominciano a farsi torride per cui molte persone decidono di concedersi il piacere di un gelato. A tal proposito, è importante sapere che il famoso marchio Häagen-Dazs, è stato interessato dal ritiro dai supermercati del gelato prodotto dal predetto marchio. Alcuni lotti, infatti sono stati ritirati in seguito al rischio chimico riscontrato. In particolare, è stato trovato al loro interno l’ossido di etilene.

I lotti di confezioni di gelato interessati dal ritiro sono al gusto di vaniglia e da 460 ml. Questi presentano le seguenti scadenze: 15 luglio, 3 e 5 agosto e il 13 dicembre del 2022. Oltre a queste bisognerà fare attenzione anche ai lotti con scadenza fissata per il 19 gennaio, il 16 febbraio, il 6 e il 20 aprile, l’8 e il 16 maggio del 2023. FR 62.817.030 CE è il marchio di identificazione relativo al produttore e allo stabilimento mentre Häagen-Dazs Arras Snca è la ragione sociale con la quale è commercializzato. Come accennato all’inizio, il gelato alla vaniglia del noto marchio di gelati Häagen-Dazs in particolare è stato interessato da rischio chimico. In particolare, il Ministero della Salute ha fatto sapere che i lotti interessati potrebbero contenere ossido di etilene. Quest’ultimo solitamente viene utilizzata in medicina per sterilizzare e disinfettare, evitando di entrare in contatto con Escherichia Coli e Salmonella.

La sostanza in esame però se inalata a lungo è in grado di creare gravi danni alla salute generando sintomi come, ad esempio, mal di testa, convulsioni e problemi alla vista. Nei casi gravi peraltro può arrivare addirittura a causare ictus o anche coma. Si tratta anche di un irritante delle vie respiratorie e può portare al versamento di liquidi in esse, anche dopo alcune ore dall’avvenuta esposizione. La sostanza chimica in esame, peraltro, è bandita in Europa come come pesticida. Alla luce di quanto appena detto è importante fare molta attenzione e nel caso in cui si accorga di avere acquistato uno dei lotti interessati è assolutamente sconsigliato consumarlo. Il consiglio è quello di riportare il prodotto presso il punto vendita dove è stato acquistato.