Via dal lavoro a 64 anni con 20 di contributi: come approfittarne prima che i politici mettano mano alle Pensioni

Spunta l’idea di andare via dal lavoro a 64 anni con 20 di contributi. Ecco come accedere a questa possibilità prima che si cambi qualcosa sulle pensioni

I prossimi mesi saranno letteralmente cruciali per quanto riguarda il tema delle pensioni. Con la caduta del governo, infatti, sarà compito del prossimo esecutivo decidere le prossime mosse e mettere sul tavolo nuove proposte per evitare il ritorno alla Riforma Fornero. Ad oggi, infatti, non c’è nulla di fatto su quello che sarà il futuro delle pensioni e le prossime settimane appaiono molto incerte su questo versante.

(Ansa/ Ciro Fusco/ Napoli)

Tuttavia, la stessa riforma Fornero potrebbe dare la possibilità ai lavoratori di andare in pensione in anticipo. Secondo quanto stabilito nel provvedimento, infatti, è possibile andare via dal lavoro a 64 anni con 20 di contributi: ecco come approfittarne prima che la parte politica inizi a fare modifiche sul tema delle pensioni.

Come andare in pensione a 64 anni con 20 di contributi

Secondo quanto affermato dalla professoressa Elsa Fornero, è possibile una certa flessibilità per quei lavoratori la cui pensione è stata calcolata interamente con il metodo contributivo. Dunque, è possibile andare in pensione a 64 anni con 20 di contributi solo nel caso in cui il lavoratore abbia la pensione calcolata interamente con sistema contributivo e se abbia maturato un importo di almeno 2,8 volte il valore dell’assegno sociale.

I lavoratori che soddisfano il primo requisito (quello della pensione calcolata interamente con il metodo contributivo) sono coloro che rientrano nel sistema contributivo. Si tratta dei lavoratori che possiedono un’anzianità contributiva maturata dopo il 1° gennaio 1996 (data in cui venne approvata la legge Dini).

FRANCO SILVI/ANSA

Dunque, questi lavoratori che, allo stesso tempo, soddisfano sia i requisiti contributivi che anagrafici possono andare in pensione a 64 anni di età. Nello specifico, i lavoratori interessati devono soddisfare i due requisiti appena indicati: avere almeno 64 anni (requisito anagrafico); avere un’anzianità contributiva (dopo il 1° gennaio 1996) di 20 anni (requisito contributivo).

Oltre ai due requisiti appena spiegati, per andare in pensione anticipata sarà necessario soddisfare un requisito economico. La prima rata della pensione, infatti, dovrà essere maggiore a 2,8 l’importo dell’assegno sociale. Se nel 2022 questo vale 468,10€, l’importo di riferimento (annuo) dovrà essere maggiore di 17.038,84€.