Crisi bollette, qualcuno riuscirà a cambiare la caldaia senza spendere neanche un euro

Il problema dei riscaldamenti nelle case potrebbe avere una soluzione con questo nuovo bonus. Si tratta di un contributo che potrebbe permettervi di acquistare una nuova caldaia gratuitamente. Occorre soltanto rispettare due specifiche condizioni.

Il nuovo bonus casa copre la sostituzione di un impianto di riscaldamento (caldaia) con uno nuovo. Si tratta di un bonus estremamente importante, sopratutto in questo periodo. Un bonus che copre fino al 100% delle spese d’acquisto e di installazione del nuovo impianto e sostituzione del vecchio in un periodo in cui i costi del riscaldamento di casa sono particolarmente alti.

Foto ANSA

Il nuovo bonus non permetterebbe semplicemente di sostituire gratuitamente la propria caldaia, ma sopratutto permette di acquistarne un modello migliore, che eviti sprechi energetici. In questo modo si riuscirebbe ad aiutare le famiglie contro l’aumento dei prezzi del gas del riscaldamento di questo inverno. Già molto popolare nel 2022, il bonus è stato nuovamente confermato per il 2023. In questo modo potrà essere ancora utile ai cittadini che rispondano ai suoi due unici requisiti.

Il bonus casa è disponibile in Emilia-Romagna come parte di un piano regionale di ammodernamento degli impianti del territorio. Può essere richiesto insieme al bonus termico, rilasciato da Gse, a patto che i due bonus combinati non superino il 100% del prezzo di acquisto e installazione del nuovo impianto. Il bando è rivolto a tutti i cittadini propietari di immobili in tutti i territori pianeggianti dell’Emilia-Romagna, quindi Agglomerato di Bologna, Pianura Est e Pianura Ovest. Il bando per la richiesta del bonus casa è valido fino alle ore 14:00 del 31 dicembre 2023.

Foto ANSA

Premesso questo, il bonus casa può essere richiesto per la sostituzione di un vecchio impianto caldaia con uno nuovo a biomassa con potenza inferiore o uguale a 35kWt almeno di classe 5 stelle e con pompe di calore. Le spese coperte dal bonus sono quelle di rottamazione del vecchio impianto e acquisto e installazione del nuovo. Non sono ammesse le spese per la costruzione di un nuovo impianto di riscaldamento. Il bonus può essere richiesto tramite la piattaforma online della Regione Emilia-Romagna. Per accedere occorre avere delle credenziali SPID o CIE ed è richiesto il pagamento dell’imposta di bollo da 16 euro.