Come dovranno essere le Pensioni degli italiani secondo Giorgia Meloni

Con l’arrivo del nuovo Esecutivo sono in programma nuove misure sulle pensioni: di che si tratta

Il nuovo governo di centrodestra con a capo Fratelli d’Italia dovrà focalizzarsi subito su un tema fondamentale come quello delle pensioni. Sulla questione pensioni non c’è un’idea unitaria fra i singoli partiti che hanno vinto le elezioni e quindi è previsto un dibattito interno per stabilire la direzione della riforma previdenziale. Ad indicare questa direzione sarà ovviamente Giorgia Meloni.

Giorgia Meloni, leader di fratelli d’Italia, arriva alla Camera dei Deputati, Roma 30 settembre 2022.
ANSA/FABIO FRUSTACI

Sul tema pensioni c’è un tema sul quale Fratelli d’Italia pone maggiormente l’attenzione, ovvero l’innalzamento delle pensioni minime e sociali. In questo senso l’obiettivo è quello di un aumento strutturale e progressivo delle pensioni di invalidità, “che non potranno essere inferiori ad altre forme di assistenza sociale esistenti, affinché l’ampia fascia di beneficiari possa godere di condizioni di vita migliori”.

Foto ANSA

Pensioni, tutte le idee del nuovo governo

Negli ultimi anni la Meloni ha insistito tanto sul taglio del cuneo fiscali, che considera sempre un obiettivo raggiungibile: “facendo pagare allo Stato una parte dei contributi previdenziali che oggi sono a carico dell’impresa e del lavoratore”. Nel programma anche la proroga del provvedimento Opzione Donna. Il partito della Meloni propone insomma flessibilità sull’uscita dal mondo del lavoro.

Lo scopo è anche quello di favorire il ricambio generazionale attraverso un “meccanismo di solidarietà intergenerazionale“. Si parla di agevolazioni fiscali per i percettori del reddito di pensione e per gli over 63 che sostengono gli oneri di parenti under 36. Nella lista delle cose da fare per il prossimo Esecutivo c’è poi anche  il ricalcolo delle cosiddette pensioni d’oro.

Tanti quindi i programmi su questo fronte, dall’adeguamento delle pensioni minime alla rivalutazione dei trattamenti pensionistici. Il futuro Governo Meloni non potrà comunque impedire il ritorno alla Legge Fornero nel 2023.