Carta d’identità elettronica per accedere a tutto e addio Spid: così cambiano le regole

Neanche due anni di obbligo per tutti di utilizzare lo SPID e il sistema è già obsoleto. Adesso entra in gioco la carta d’identità elettronica, che sostituisce in tutto lo SPID nel riconoscimeno dei cittadini nelle faccende online. Ecco perché vi conviene cominciare a pensare alla Carta d’Identità Elettronica

Lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è stato per gli ultimi due anni il principale sistema di riconoscimento digitale dei cittadini per le faccende pubbliche fatte da remoto tramite linea internet. La Pubblica Amministrazione si è attrezzata per permettere a tutti di accedere tramite le proprie credenziali SPID all’account digitale, ma questo sistema ora potrebbe essere superato.

Fila per il cambio di documenti elettronici
Foto ANSA

Insieme allo SPID, un’altra possibilità per accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione è la CIE (Carta d’Identità Elettronica). Si tratta di una carta d’identità digitale utilizzabile per l’accesso ai servizi della PA allo stesso modo dello SPID. Ora il Ministero dell’Interno, in accordo con il Ministero della Transizione Tecnologica e Digitale e Ministero dell’Economia, ha emanato un decreto che formalizza l’equiparazione nell’utilizzo della CIE con lo SPID per l’accesso ai servizi online.

La CIE potrebbe scalzare lo SPID

Qual’è la differenza tra i due metodi di riconoscimento? Fondamentalmente l’intuitività. A differenza dello SPID, che ha un metodo di riconoscimento un po’ più macchinoso, la Carta d’Identità Elettronica permette un accesso più semplice e intuitivo anche per chi non ha dimestichezza con gli strumenti digitali.

Inoltre la Carta d’Identità Elettronica ha il vantaggio di poter essere richiesta al posto della normale carta d’identità allo scadere della precedente. Il documento digitale varrebbe come un documento di identità al pari della carta, ma in più ha anche la funzione di accesso ai servizi online. Considerando la facilità con cui si può avere accesso a questo documento, non è da escludere che in poco tempo questo sostituisca completamente lo SPID.

Carta d’Identità Elettronica
Foto ANSA

Per i comuni che hanno attivato il servizio di prenotazione della CIE messo a disposizione dal Ministero dell’Interno è possibile verificare la disponibilità e fissare un appuntamento. In caso contrario è necessario contattare l’ufficio dedicato all’amministrazione locale. La CIE è spedita direttamente a chi la richiede entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta presso l’indirizzo fornito al Comune.