Bonus bollette, gli aiuti aumentano

Con l’accentuarsi della crisi economico e sociale, aumentano gli aiuti. Ecco come funzionano e chi può richiedere il bonus bollette

Non è un periodo affatto facile per moltissimi italiani che sono alle prese con le difficoltà economiche dovute dall’inflazione e dalla crisi energetica che ha investito tutta Europa. Sono tantissime le famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese pe via dei pesanti pagamenti dovuti dalle bollette.

Un contesto particolarmente difficile che ha spinto il governo Draghi a prender delle decisioni drastiche e ora, l’attuale governo Meloni, procederò sulla stessa falsariga. Sono infatti pronti sostegni economici a favore dei cittadini più in difficoltà. Ecco come fare per richiedere e ottenere il bonus bollette.

Ecco come richiedere il bonus bollette

Grazie alle nuove misure intraprese dall’attuale governo, la platea di beneficiari che potranno accedere alle misure economiche si allargherà ulteriormente. Aumentano infatti gli aiuti per coloro che non riescono a pagare le fatturazioni energetiche per via dei recenti rincari economici. Ecco che arriva il bonus bollette pei i cittadini che hanno un Isee basso. Come richiederlo e in che cosa consiste.

Per poter ottenere il bonus bollette, comunemente chiamato bonus sociale, è necessario avere una serie di requisiti previsti dalle normative. È infatti necessario avere un reddito Isee che non sia superiore ai 15mila euro, precedentemente fissato a 12mila euro. L’aumento della soglia Isee, infatti, riguarda il primo trimestre 2023.

Ecco come richiedere il bonus bollette, Ansa

Dunque, potranno beneficiare del bonus bollette coloro con un Isee non superiore a 12.000€ nel 2022 e non superiore a 15mila euro nel 2023. Coloro che hanno almeno 4 figli a carico e un Isee non superiore a 20.000 euro e, infine, coloro che percepiscono il Reddito o la pensione di cittadinanza.

Ecco come richiedere il bonus bollette

Il bonus bollette non è altro che uno sconto automatico effettuato direttamente in bolletta. Non sarà quindi necessario presentare o compilare alcuna domanda per riceverlo. Tuttavia, è possibile intestare le bollette a uno dei componenti del nucleo familiare Isee.

Ogni nucleo familiare, infatti, ha diritto ad un solo bonus per tipologia, per anni di competenza della Dichiarazione Unica Sostitutiva. Quindi la tariffa dovrà esser per usi domestici, così come il bonus sociale idrico dove la fornitura dovrà essere per uso domestico residente attivo.