Bonus Tv, come e quando richiedere il nuovo incentivo

Tutte le novità sul Bonus Tv, previsto dalla Legge di Bilancio 2021. 

Rivoluzione tecnologica in arrivo e riguarda la televisione, uno degli elettrodomestici più usati di sempre. Entro il 2022, infatti, si passerà definitivamente al sistema DVB T2, “digital video broadcasting T2”. Alla base del nuovo standard di trasmissione del segnale tv c’è la liberazione delle frequenze mobili della banda 700, compresa tra i 694 e i 790 MHz ed indispensabili per la rete mobile 5G. Infatti, il 5g permette alla telefonia mobile prestazioni e velocità ancora superiori e rende necessaria una nuova organizzazione delle frequenze tv, che si riducono. Serve quindi la tecnologia Hevc per ottimizzare lo spazio di banda occupato dalla tv.

Leggi anche: Bonus Mobilità 2021 per biciclette e monopattini, come richiederlo

Il passaggio alla nuova tecnologia sarà a tappe, a partire dal primo settembre e fino a giugno del 2022, quando la transazione sarà completata. Dal primo settembre al 31 dicembre si inizia con Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e Bolzano; dal primo giorno del 2022 al 31 marzo Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna; nell’ultima tappa, dal primo aprile 2022 al 20 giugno, Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Marche.

Leggi anche: Giulia De Lellis, quanto guadagna per ogni post su Instagram

Il bonus

Di conseguenza, entro un anno e mezzo sarà fondamentale adeguare in tempo il proprio apparecchio o cambiarlo del tutto. Per sapere se il proprio televisore è predisposto alla nuova tecnologia, basterà controllare sul retro dell’apparecchio se vi è la dicitura DVB T2 o H265/HEVC. Inoltre, è possibile sintonizzarsi sul canale 100 o 200: se sullo schermo appare la scritta Test HEVC Main10, il televisore sarà in grado di ricevere il nuovo segnale tv anche dopo che il passaggio alla nuova tecnologia.

Anche nel 2021, dunque, il Governo garantisce un bonus tv per l’acquisto di un nuovo televisore in vista del passaggio al digitale terrestre di seconda generazione. Il bonus è stato rifinanziato con altri 100 milioni di euro dalla Legge di Bilancio 2021 al fine di favorire il rinnovo o la sostituzione del parco degli apparecchi televisivi non idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie DVBT-2 e favorire il corretto smaltimento degli apparecchi obsoleti. L’aumento degli acquisti registrati negli ultimi tempi è spinto proprio dal bonus tv, che già lo scorso anno lo Stato aveva predisposto per aiutare le famiglie nell’adattare gli apparecchi al nuovo salto tecnologico. Nel corso di aprile, infatti, le intenzioni d’acquisto nel segmento dell’elettronica di consumo sono aumentate del 2,7%, come ha rilevato l’Osservatorio Mensile Findomestic.

In cosa consiste

Il bonus tv previsto dalla Legge di Bilancio 2021 è costituito da un contributo di 50 euro per l’acquisto di apparecchiature televisive. L’agevolazione è erogata direttamente come sconto sul prezzo di vendita ed è rivolto ai cittadini con Isee fino a 20 mila euro. Può essere speso per sostituire il proprio televisore o per comprare un decoder DVBT-2 o satellitare. Per ottenere l’agevolazione, è necessario presentare al venditore una richiesta di acquisto di una tv o di un decoder compilando l’apposito modulo disponibile sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

L’incentivo è disponibile fino al 31 dicembre 2022 o fino all’esaurimento delle risorse stanziate, pari a 250 milioni di euro.

Latest articles

Related articles