Decreto Sostegni, arriva il contratto di rioccupazione: cos’è

Il contratto di rioccupazione sarà inserito nel decreto Sostegni bis ed è rivolto a tutti i settori. Vediamo meglio in cosa consiste.

Nel Decreto Sostegni bis che dovrebbe essere varato a breve c’è anche spazio per il “contratto di rioccupazione” , che farà parte di un più grande “Pacchetto lavoro” che conterrà altre misure per limitare i licenziamenti. Si tratta di un contratto a tempo indeterminato che prevede la formazione ed un periodo di prova di massimo sei mesi, con uno sgravio contributivo del 100% per il datore di lavoro che assumerà tramite questo particolare contratto. Lo sgravio contributivo, tuttavia, andrà restituito nel caso in cui il lavoratore non venga assunto al termine della prova.

Leggi anche: Bonus verde per giardini e terrazzi: come funziona e a chi spetta

La misura mira a far ripartire l’occupazione ed è stata proposta dal ministro del Lavoro Andrea Orlando. In vista della ripresa dei licenziamenti, infatti, c’è urgenza di spingere le assunzioni con contratti a tempo indeterminato. Il contratto di rioccupazione dovrebbe poter essere applicato a tutti i settori e riguarderà tutte le nuove assunzioni. Non ci sarà nessun limite legato all’età, alla residenza o al genere.

Leggi anche: Bonus Inps 2021 senza Isee, quali sono e chi ne ha diritto

Il Pacchetto lavoro contiene inoltre altre misure. In primis, il contratto di solidarietà: prevede che le aziende che a giugno avranno lo sblocco dei licenziamenti, in presenza di un calo del 50% di fatturato, potranno stipulare un contratto ad hoc che porta la retribuzione al 70%, prevedendo al contempo però un impegno espresso al mantenimento dei livelli occupazionali.

Il contratto di espansione, invece, prevede di abbassare la soglia delle aziende che potranno accedere al beneficio a 100 dipendenti, sia per lo scivolo che per la riduzione dell’orario. Infine, potrebbe entrare un pacchetto di misure ad hoc per i settori commercio e turismo: si prevede un esonero contributivo al 100% per i dipendenti che vengono riconfermati dopo il blocco dei licenziamenti e la fine della Cig Covid.

Latest articles

Related articles