Lavoro: servono ingegneri, tecnici e informatici nella Pubblica Amministrazione

La Pubblica Amministrazione pronta ad assumere: servono ingegneri, tecnici ed informatici per attuare il Pnrr. 

La pubblica amministrazione si prepara a decine di migliaia di assunzioni, necessarie per attuare i progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza. A dirlo, il ministro della Pa Renato Brunetta che, ai microfoni del Tg1, ha chiarito che servono con urgenza ingegneri, informatici, responsabili gestionali. Un reparto, quello tecnico, necessario per mettere in pratica i progetti all’orizzonte. La selezione, ha proseguito Brunetta, avverrà nel “migliore dei modi così come rafforzeremo la pubblica amministrazione, quella di ruolo, per rafforzare i ministeri, le province, le regioni che saranno i titolari di questi progetti. Il tutto per fare le opere nei tempi previsti dall’Europa, altrimenti non ci darà i soldi”.

Leggi anche: Chiudono i Disney Store in Italia, a rischio 230 posti di lavoro

La selezione dovrebbe avvenire, quasi sicuramente, su un portale di reclutamento unico, già previsto nella versione finale del piano nazionale di ripresa e resilienza sottoposto dal governo italiano alla Commissione europea. Il portale sarà a disposizione delle singole amministrazioni, “che potranno così far leva sulle risorse digitali per pianificare e gestire le procedure dei concorsi pubblici dei dipendenti pubblici per accedere al proprio profilo completo, per aggiornare costantemente le informazioni sulle loro capacità e competenze, nonché conoscere le posizioni vacanti disponibili all’interno della PA per le quali eventualmente presentare la propria candidatura”.

Leggi anche: Lavoro, quali sono le competenze che saranno più richieste nel futuro

Al momento non ci sono stime ufficiali sul totale di figure in entrata che verranno assunte.
Il portale sarà integrato con una banca dati con informazioni dettagliate su competenze e capacità del personale in essere, utile a definire in ottica di pianificazione strategica le politiche del personale e dell’organizzazione amministrativa. Si pensa anche a percorsi alternative, che prevedono accordi con atenei, centri di alta formazione e ordini professionali per favorire la selezione rapida dei migliori profili richiesti.