Bonus collaboratori sportivi, confermata la proroga: le novità

Prorogato di due mesi, aprile e maggio 2021, il bonus collaboratori sportivi. Ecco cosa prevede e in cosa consiste. 

Il Decreto Sostegni Bis ha chiarito le circostanze del Bonus Collaboratori Sportivi. Nessuna riduzione prevista, come confermato dalla sottosegretaria allo sport ed ex schermitrice Valentina Vezzali. Il bonus subisce inoltre una proroga di due mesi, per i mesi di aprile e maggio 2021. Consiste in un contributo destinato ai lavoratori dello sport, impegnati in palestre, piscine e altri centri sportivi, destinato a dare sostegno alle attività. Secondo quanto dichiarato dalla sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali, la cifra stanziata per il Bonus collaboratori sportivi è di 220 milioni di euro. Per le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) sono stati stanziati 369 milioni di euro, che si sommano ai 50 milioni già previsti con il precedente Decreto Sostegni.

Leggi anche: Bonus vacanze nel modello 730 precompilato: ecco come verificare i dati

L’indennità varia dai 400 ai 1200 euro mensili. Ai collaboratori sportivi che nel 2019 hanno percepito un compenso superiore ai 10.000 euro all’anno, spetta una somma di 1.200 euro mensili. Il totale è quindi di 2.400 euro per le mensilità di aprile e maggio. Chi, nel 2019, ha percepito un compenso che vai dai 4.000 ai 10.000 euro all’anno percepirà invece 800 euro mensili, per un totale di 1.600 euro per le mensilità aprile-maggio. Chi, nel 2019, ha percepito un compenso inferiore ai 4.000 euro all’anno, otterrà 400 euro mensili, per un totale di 800 euro per le mensilità aprile-maggio.

Leggi anche: Bonus baby sitter 2021: a chi spetta, come richiederlo e i requisiti 

Le mensilità dei mesi precedenti, da gennaio a marzo 2021, vengono erogate in maniera del tutto automatica, a chi aveva già provveduto in precedenza a richiedere il bonus. L’accredito sarà preceduto da una comunicazione da parte della società Sport e Salute s.p.a: il soggetto deve confermare i suoi dati. I pagamenti saranno effettuati in base ai criteri indicati nel Decreto Sostegni bis:

  • ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10.000 euro annui, spetta la somma complessiva di euro 2.400;
  • ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura compresa tra 4.000 e 10.000 euro annui, spetta la somma complessiva di euro 1.600;
  • ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ad euro 4.000 annui, spetta la somma complessiva di euro 800.

 

Latest articles

Related articles