Benzina, prezzo in aumento: ecco come risparmiare in poche e semplici mosse

Ecco come risparmiare sulla benzina in poche e semplici mosse, proprio mentre il prezzo del carburante è in aumento! 

Prezzo della benzina in aumento, come non si vedeva da due anni! Il costo del carburante in Italia è pari ad 1,6 euro al litro, secondo quanto riportato da QuiFinanza. Una brutta notizia per gli italiani pronti a partire per le vacanze e che fa protestare le associazioni dei consumatori. Secondo le cifre del Ministero dello sviluppo economico, il costo dei carburanti nella rete di distribuzione sul territorio nazionale è fissato ad 1,599 euro al litro per la benzina in modalità self e di 1,458 euro per il gasolio. Un record massimo per la benzina da luglio 2019; per il diesel è il prezzo più alto da febbraio del 2020.

Leggi anche: E’ giusto dare una paghetta ai figli? Le risposte dell’esperta

L’andamento al rialzo dei carburanti provoca una spesa annua pari a +267 euro a famiglia, con notevoli conseguenze anche sull’inflazione e con un rialzo generalizzato dei prezzi. Secondo quanto riferito dal Presidente dell’Unione Nazionale Consumatori Massimo Dona, dall’inizio dell’anno, un pieno da 50 litri è aumentato di 7 euro e 88 cent per la benzina e di 6 euro e 93 cent per il gasolio, con un rincaro, rispettivamente, del 10,9% e del 10,5%. Su base annua è pari a una mazzata ad autovettura pari a 189 euro all’anno per la benzina e 166 euro per il gasolio.

Leggi anche: Chiara Ferragni apre un bar a Milano, ecco quanto costa un caffè!

Come risparmiare?

Specialmente in vista di questi rialzi ai massimi, è importante ancor di più capire come fare per risparmiare sul costo della benzina. Vediamo allora qualche trucco che può fare al caso nostro.

  • Attenzione al cambio: è sconsigliato tirare le marce e far salire di giri il motore. Non bisogna superare i 2.500 giri per i motori a benzina e i 2.000 per quelli diesel prima di cambiare marcia. È sconsigliato anche scalare di terza e quarta subito dopo poco partiti. Infatti, questo richiede uno sforzo costante sull’acceleratore per non fermare l’auto. Dare gas più del necessario fa sempre consumare ed è quindi una brutta abitudine da evitare. Così come vanno evitate accelerazioni e frenate brusche. Bisogna mantenere una velocità costante, senza frenare in modo troppo deciso o accelerare all’improvviso.
  • spegnere il motore quando non serve, anche ai semafori, per evitare sprechi
  • non esagerare con l’aria condizionata, che toglie potenza dal motore e obbliga il conducente a spingere di più il piede sull’acceleratore per ottenere la velocità desiderata.
  • viaggiare leggeri, perché un carico pesante aumenta i consumi.
  • moderare la velocità e portarsi da 130 a 110 km/h, che può comportare un 25% di risparmio, guadagnando un ulteriore 10% se si arriva a 90 km/h.
  • fare manutenzione e controlli periodici, fondamentali per controllare lo “stato” della nostra auto.
  • utilizzare un carburante premium, che consente al motore di lavorare meglio, anche se l’incremento delle prestazioni dipende dal veicolo in uso.
  • non usare mai cambio in folle, specie nei veicoli di ultima generazione dove l’approvvigionamento di carburante verso gli iniettori è già ridotto. Inoltre, si tratta di uno stile di guida pericoloso che porta ad avere meno controllo sulla macchina.