Pensione su conto corrente cointestato, le regole dell’Inps

L’Inps fornisce le istruzioni per ricevere la pensione sul conto corrente cointestato. Ecco quali sono e come fare. 

L’Inps ha inoltrato alcuni chiarimenti sulle modalità di accredito delle somme di pensione. Il pensionato può chiedere l’accredito sul conto corrente bancario; sul conto corrente postale; sul libretto di risparmio postale; su prepagata purché in possesso di codice IBAN. Quando il pensionato presenta domanda deve indicare la modalità di accredito sul conto corrente bancario e postale, in modo tale che la pensione venga accreditata sul conto indipendentemente dalla sua residenza.

Leggi anche: Bonus acqua: cos’è, chi ne ha diritto e come richiederlo

Quando la pensione viene accreditata su un conto corrente cointestato, bisogna fare attenzione ad alcune circostanze e rispettare diverse regole. L’Inps ha fatto chiarezza su alcune accortezze a cui bisogna prestare attenzione. Per far sì che la pensione venga accreditata su conto corrente cointestato, bisogna presentare alcuni moduli altrimenti l’accredito sarà inammissibile e la banca restituirà all’Inps la somma. Un altro caso particolare su cui l’Inps ha fatto chiarezza con alcune note, si verifica quando il pensionato dimora in strutture specifiche come case circondariali o istituti religiosi.

Leggi anche: Corrente elettrica: i consigli per ridurre i consumi in casa

Cosa fare

Il messaggio Inps 1971/2021 del 18 maggio scorso recante “Prestazioni pensionistiche accreditate su conto di pagamento non intestato al pensionato” chiarisce che in tali situazioni il pagamento può avvenire su conto corrente intestato all’istituto presso cui dimora il pensionato, a condizione che vi sia sottoscrizione congiunta in duplice originale da parte del titolare della pensione e dell’ente-persona giuridica intestataria del conto corrente. Inoltre, è necessaria la firma di un legale di un mandato irrevocabile che conferisca alla banca il potere di restituire all’Inps le somme accreditate in caso di decesso del beneficiario o di altra causa di estinzione del diritto alle somme in questione.

Si tratta del modulo AP146, reperibile nella sezione Moduli del sito istituzionale, il pensionato e l’Ente ospitante conferiscono all’Istituto bancario il mandato sopra descritto. “Tale mandato deve essere sottoscritto per accettazione da parte della banca, che deve trasmettere un originale dell’atto così perfezionato alla competente Struttura territoriale INPS, che procede a validare l’operazione e a registrarla negli archivi informatici”, ha chiarito l’Inps.