Cosa scegliere tra gpl e metano? Ecco su cosa riflettere prima della scelta

Chi vuole passare da una macchina a benzina a una più ecologia può optare per il passaggio a una macchina a Gpl o metano. Andiamo adesso a spiegare quali sono le differenze e cosa tenere d’occhio per scegliere con cognizione di causa.

gpl o metano?

Il primo indicatore da tenere di conto è il prezzo di gpl e metano rispetto alla benzina. Entrambe le alternavite sono più economiche rispetto alla benzina, ma c’è da tener conto del loro contenuto energetico. Infatti mettendo a confronto un litro di benzina e un litro di gpl, quest’ultimo rende circa il 25-30% in meno e di conseguenza occorrerà rimettere più spesso gpl nel veicolo con un risparmi complessivo del 46% circa. Col metano la situaizone cambia perché un kilo di metano rende di più di un litro di benzina, così il risparmio sul carburante si attesta sul 55-60%.

Impianto e manutenzione

Serve fare attenzione anche al fatto che i veicoli a gpl e metano hanno costi superiori rispetto a uno a benzina. I prezzi di listino dei veicoli sono significativamente più alti e anche nel caso si optasse per una trasformazione del proprio veicolo, l’impianto gpl costerebbe tra i 1.200 e i 1.500 euro, mentre per il metano si sale a 2.000 euro.

Leggi anche: Benzina, prezzo in aumento: ecco come risparmiare in poche e semplici mosse

La manutenzione di quegli stessi impianti poi diventa più costosa, il serbatoio gpl deve essere sostituito ogni dieci anni, mentre le bombole di metano ogni quattro. A parte questi interventi speciali, anche la manutenzione ordinaria diventa più costosa visto che i motori a gpl e soprattutto a metano, non hanno il fattore lubrificante della benzina e tendono ad usurarsi più facilmente, servono quindi controlli frequenti e revisioni della testata. Va detto però come questo si applichi maggiormente in caso di trasformazione di un veicolo in gpl o metano, perché i veicoli progettati con questi impianti hanno di per se valvole rinforzate che attenuano l’usura.

Sicurezza degli impianti

Gli impianti dei veicoli a gpl e metano sono progettati per annullare completamente il rischio di esplosione dei gas in caso di incendio, ma nel, seppure remoto, caso di perdita di carburante il gas metano si disperde nell’atmosfera essendo più leggermo, mentre il gpl rimane stagnante e quindi più pericoloso negli spazi chiusi. Per questo motivo nei parcheggi sotterranei i veicoli gpl possono entrare solo al primo piano mentre quelli a metano non hanno limitazioni.

Leggi anche: Come risparmiare sul costo della benzina in poche e semplici mosse

Rete di rifornimento

Importante per la scelta è anche conoscere la rete dei rifornimenti di gpl e metano che differiscono non poco in Italia. Se per il gpl la rete è composta ca 4.000 stazioni di servizio, il metano conta solo 1.300 stazioni e non è ancora possibile il self service.