Come risparmiare sul costo della benzina in poche e semplici mosse

Se ti chiedi come fare per risparmiare sul costo della benzina, sei nel posto giusto. Ecco qualche piccolo trucco che può fare al caso tuo.

Come risparmiare benzina? Del resto, tutti quelli che hanno un auto si chiedono come ammortizzare i costi. Tra benzina, parcheggio e manutenzione mantenere un’autovettura può risultare non proprio cosa da poco. Il consumo di benzina è quello che pesa di più sul portafogli ( tanto che molti stanno optando per le auto elettriche). Diventa anche importante capire sia quali sono le auto che consumano meno; sia capire come risparmiare carburante. Oltre alle caratteristiche tecniche dei mezzi, incidono notevolmente anche le abitudini di guida.

Leggi anche: Bonus matrimonio 2021, tutto quello che c’è da sapere

Uno dei primi consigli per ammortizzare i costi, è far attenzione al cambio. E’ infatti sconsigliato tirare le marce e far salire di giri il motore. Non bisogna superare i 2.500 giri per i motori a benzina e i 2.000 per quelli diesel prima di cambiare marcia. È sconsigliato anche scalare di terza e quarta subito dopo poco partiti. Infatti, questo richiede uno sforzo costante sull’acceleratore per non fermare l’auto. Insomma, dare gas più del necessario fa sempre consumare ed è quindi una brutta abitudine da evitare. Così come vanno evitate accelerazioni e frenate brusche. Bisogna, al contrario, mantenere una velocità costante, senza frenare in modo troppo deciso o accelerare all’improvviso.

Leggi anche: Cashback, in arrivo provvedimenti per i furbetti del rimborso

Altri piccoli consigli possono essere:

  • spegnere il motore quando non serve, magari quando si rimane in sosta ad attendere qualcuno. Questo consuma benzina.
  • spegnere il motore ai semafori, perché l’attesa potrebbe rivelarsi uno spreco di benzina non necessario.
  • non esagerare con l’aria condizionata, che toglie potenza dal motore e obbliga il conducente a spingere di più il piede sull’acceleratore per ottenere la velocità desiderata. In questo modo, si consuma il 20% in più di carburante.
  • viaggiare leggeri, perché un carico pesante aumenta i consumi.
  • moderare la velocità e portarsi da 130 a 110 km/h, che può comportare un 25% di risparmio, guadagnando un ulteriore 10% se si arriva a 90 km/h.
  • Manutenzione e controlli periodici, fondamentali per controllare lo “stato” della nostra auto. La pressione delle gomme deve essere sempre allineata con il valore indicato nel libretto di uso e manutenzione. Uno pneumatico in buono stato può incrementare l’efficienza fino a un 2%.
  • utilizzare un carburante premium, un tipo di benzina con un numero di ottano superiore a quello che si trova in quelle normali. Consente al motore di lavorare meglio, anche se l’incremento delle prestazioni dipende dal veicolo in uso.
  • mai cambio in folle, specie nei veicoli di ultima generazione dove l’approvvigionamento di carburante verso gli iniettori è già ridotto. Inoltre, si tratta di uno stile di guida pericoloso che porta ad avere meno controllo sulla macchina.

Latest articles

Related articles